.

.

.

02.09.15

https://www.youtube.com/watch?v=kQha5einETw

Avrei bisogno di un po’ di riposo, dice il dottore.
Ne avrei bisogno in effetti, hai ragione doc
e anche tu
anche tu ne avresti.
E avremmo bisogno
di un po’ di gatti
qualche pillola colorata
un po’ di pace
una bici nuova
probabilmente baci
un bunker antiatomico
avremmo bisogno di qualcuno
di qualcuna
che domani pensi a noi nella battaglia
e avremmo bisogno di un po’ di aria pulita
di penombra
un po’ di vino bianco fresco
avremmo bisogno di un po’ di carezze
magari di fare un po’ all’amore
avremmo bisogno
che qualcuno abbassi l’aria condizionata
e avremmo senz’altro bisogno di un po’ di silenzio
un po’ di buona poesia
e un po’ di buona musica
di lenzuola pulite
e un nuovo cuscino
e avremmo bisogno
che lei la smettesse di guardare
di nascosto in continuazione
quel cazzo di telefono
mentre siamo a pranzo assieme.
Di cos’altro, doc?
Un po’ di gentilezza, certo
un paio di pantaloni nuovi
– non trovi che in giro
ci sia un’incredibile mancanza di eleganza? –
e che venga presto settembre

(Guido Catalano)

23 luglio 2009

grazie..

..
una canzone con tanti ‘grazie’..
per caso, per fortuita coincidenza o per un cheso? mi è capitata nell’abitacolo dell’auto mentre giravo stazione su una strada senza curve..
e mi ha fatto pensare che oggi avevo un grazie anch’io, da far scivolare..
dirlo non si può, perché non c’è un chi al quale indirizzarlo..
allora lascio che scivoli..
così..
il mio grazie agli anni che mi separano da una diversa me..
una me che ancora vedo, in certi momenti di tensione, litigar col mondo quasi fosse l’unica via possibile.. e rovesciargli addosso improperi e mutismi.. e accogliere risposte come nefasti segni interpretabili con un ‘ecco, vedi? figurati se non andava così..’
quei momenti ci sono ancora.. non so se spesso o no, perché ho smesso di contarli..
quella me là non c’è più..
perché lei non sapeva lasciarsi arrendere all’affiorar d’un sorriso di fronte a un gesto piccolo o anche solo a un piccolo nulla..
un nulla..
ecco..
non è esatto affermare che nulla cambia mai..
nemmeno io..
che sono un piccolo nulla..
nemmeno io..
che sono uguale.. eppur diversa..
grazie agli anni che mi hanno resa audace fino al punto di azzardarmi a imboccare un senso unico contromano..


dicono che non sorrido mai..
ma non è vero..

(è che ho un sorriso giocondo..)

Nessun commento:

Posta un commento