.

.

.

02.09.15

Ti voglio bene si dice al cane

D’altronde a quei tempi
A quei tempi bastava davvero poco a dirsi “addio”
A darsi un ciao d’addio eravam buoni tutti
Era l’ordinaria amministrazione
Erano tempi di cuori ghiacci
Eran tempi che si era imparato a ballare da soli
Eran tempi che un “è stato bello” non lo si negava a nessuno
Eran tempi che non pioveva più da sempre
Tempi di siccità feroce
Di occhi secchi
Neanche piangere qualche lacrima eravam più capaci

E le poesie d’amore costruite in serie come utilitarie
C’eran più poesie d’amore che innamorati
C’eran più poeti che soldati

E d’altronde la natura faceva il suo corso
Ragno mangia ragno
Labbro bacia labbro
Mano carezza viso
Pugno spezza naso
Nebbia in Val Padana
Occhio non vede cuore non duole
Cuore non batte ciao è stato bello
Ciao è stato bello salutami a casa

D’altronde avevamo perso il sonno
La rotta
La voglia
La fame
E “ti voglio bene”
- ho poi scoperto -
Ti voglio bene, si dice al cane.

(Catalano)

https://youtu.be/jsCCnpcGEWI

6 luglio 2009

steli..

Sei solo.
Non lo sa nessuno.
Taci e fingi.

F. Pessoa

ho fatto un sogno..
dice ‘che gran novità’..
in effetti, no.. non è una novità..
sogno sempre, anche quando non me ne accorgo..
sempre sempre.. sogno..
da sveglia e anche no..
se dormo, finisce che da un sogno particolarmente vivido io riesca a uscire unicamente urlando e piangendo..
ho fatto un sogno..
vivido..
e strano..
e doloroso..
ma non brutto..
un sogno dal quale non riuscivo a riemergere, tanto era forte la sensazione di realtà che mi comunicava..
i sogni mi piacciono perché nell’interazione con chi vi incontro viene saltato a piè pari tutto quel noiosissimo percorso atto a superare le barriere fisiche.. e le distanze di sicurezza.. finanche le parole..
ecco..
le parole..
quelle si sentono direttamente nella testa.. una specie di telepatia..
questo sogno mi ha fatto desiderare d’essere uno stelo d’erba..
perciò, alla fine, non penso sia stato del tutto negativo..
cioè..
non sono belli gli steli d’erba?
sì, che son belli..
ora senza quel sogno io non avrei mai pensato di poter desiderar d’essere uno stelo d’erba..
ne consegue che il sogno, col dolore che m’arrecato, mi ha regalato una cosa anche bella..
non so come sia stato..
non ricordo nemmeno bene la trama..
solo la fine..
e la fine sapeva di tradimento..
brutta sensazione..
amara..
come d’una solitudine così unica..
così..
assoluta..
che è poi la solitudine normale derivante dall’esser solo sé e non sé e insieme qualcun altro..
è la cosa più naturale che ci sia..
esser solo sé..
ed è una di quelle cose alle quali, potendo, evito di pensare..
come la morte.. come le tasse.. come il raffreddore..
come quelle cose lì..
la solitudine dell’essere c’è.. ma a volte non la sento.. e la dimentico.. fino alla scadenza successiva..
arriva una raccomandata con tanto di ricevuta di ritorno.. dalla mente.. dice così : ‘sei sola’..
ora, questo non sarebbe nemmeno sto granchè.. nel senso che dico : 'ok, sono sola.. ma posso sopportarlo'..
eppure ecco che, molto più in piccolo, la lettera reca anche una postilla : ‘e sempre potrai esser tradita se a qualcun altro ti affiderai’..
.. questa è già più dura da digerire..
dice pure ‘benvenuta nel mondo reale’, ma è solo un ironico ps.. e non ci faccio molto caso.. no..
..
ho pensato.. forse è per questo che vorrei essere uno stelo d’erba..
ma non tanto perché gli steli d’erba sono di solito tutti così vicini che uno crederebbe non si possano sentir soli..
(a ben guardare, sulla faccia della terra ci sono talmente tanti esseri umani e in tale concentrazione, che alla fine potrebbero benissimo esser paragonati a degli steli d’erba)..
..
vorrei essere uno stelo d’erba per sapere cosa sente uno stelo d’erba..
perché io credo che qualcosa sentano anche loro..
e desiderare d’essere un’altra persona non aiuterebbe.. non in questo caso.. perché ogni singola persona, una volta o l’altra ha pensato al raffreddore, alla morte, alle tasse e alla solitudine.. e forse c’ha pensato in maniera diversa dalla mia.. ma il punto è che c’ha pensato..
..
credo che, invece, uno stelo d’erba sia continuamente consapevole d’esser solo..
e che sia contento e appagato d’esser solo..
..
senza pensarci..
solo perché è..
..
ecco che allora non vorrei tanto 'essere' uno stelo d'erba, quanto, di quello, possedere l'incessante consapevolezza del mio esser solo me..
..
ho deciso.. domani vado a trovare uno stelo d’erba.. me lo voglio osservare proprio da vicino.. talmente da vicino da farmelo sembrare una pianta gigante..
lo andrò a trovare, sì..
ma non starò tanto lì a raccontargli storie del tipo ‘non sei solo, vedi che ci sono io qui con te?.. vedi che ti comprendo? non capisci che per me non sei solo un piccolo stelo d’erba, ma un’immenso agglomerato di meravigliosa clorofilla?’
..
non gli dirò questo.. come non gli prometterò che tornerò il giorno dopo e quello dopo ancora, per dimostrargli che lo saprò riconoscere, tra tutti i milioni di steli che lo circondano..
..
non lo farò..
..
perché se saprò sceglierlo bene, sarà uno stelo d’erba dotato d’una non indifferente intelligenza..
..
c’è un ‘detto’ che recita così : ‘mai far promesse a matti e a bambini’..


men che meno a steli d’erba, aggiungerei io..

9 commenti:

  1. Ricordo una donna...che amava accarezzare steli d'erba e ossrevare falciatori di steli d'erba...grande donna...chissà magari quello stelo d'erba vuol essere solo accarezzato per non sentirsi solo....*

    RispondiElimina
  2. tu non ci crederai.. ma l'ho trovato (eureka!).. è bellissimo.. l'ho chiamato pippo.. avrei intenzione di farmi insegnar qualche lezione da lui.. si vede che è uno stelo che la sa lunga, pippo.. prima di tutto si capisce che è uno che si piega ma non si spezza.. poi è lì che sembra appoggiarsi a un altro stelo vicino ma mica è vero.. lo sfiora appena.. ma il momento più bello è quando s'alza il vento e lui sembra ridestarsi.. si alza fiero (e supera il vicino d'un bel po').. l'ho fotografato, pippo.. cercando di non disturbarlo.. anche se ha visto il flash, essendo un signor stelo, non me l'ha fatto pesare.. appena posso la metto in primo piano.. la foto del mio stelo.. e dillo che non vedi l'ora! ;)*

    RispondiElimina
  3. Assolutamente...io pippo lo amo già...Il Signor Stelo...il Principe degli Steli...Fotogenico?rende la sua grandezza?
    Bacio M...e tu sei sempre un fenomeno di sorrisi***

    RispondiElimina
  4. rende, rende.. ecco.. lui è quello che fa l'inchino.. sembra più brutterello di quello da copertina con rugiada incorporata solo perchè non è truccato!.. sorrisi a te ;)*

    RispondiElimina
  5. Ma è bellissimoooooo! Pippo è un vero piacere conoscerti!...e tu M...sei fenomeno...;)* buona serata

    RispondiElimina
  6. ah.. da baraccone, sì.. ;)).. buonaserata a te.. senti ma.. i restauri.. non è che li fai anche a certi cervelli? o solo alle opere d'arte??.. così.. si sa mai.. :)*

    RispondiElimina
  7. Certi cervelli vanno benissimo così...un restauro potrebbe rovinarli!!!!Posso dire una cosa così su due piedi?no anzi sono seduta...mi sa che mi sei proprio simpatica...s'era capito? troppo palese era quasi inutile dirlo? vabbè io l'ho detto poi fai te! salutami pippo e il tuo mitic gattone!

    RispondiElimina
  8. a titolo informativo comunque...sto approntando un circo avevo già scritturato una ragazza stramba oggi pomeriggio (non è uno scherzo...è venuto fuori davvero stò discorso oggi con un'amica!) mancava il fenomeno da baraccone...fammi sapere ti mando il mio agente...(wè che il circo è uno scherzo che poi ci credi!)****

    RispondiElimina
  9. eheh.. ah ci avevo quasi creduto, al circo, sì.. rido.. vlady è qui.. ti manda un miao (lui fa più così : gnaoooo.. prrrrrrprrrrr -son fusa, mica pernacchie-).. una volta magari me ne farai veder qualcuna, delle tue opere.. sono curiosa..:)****

    RispondiElimina