.

.

.

02.09.15

Ti voglio bene si dice al cane

D’altronde a quei tempi
A quei tempi bastava davvero poco a dirsi “addio”
A darsi un ciao d’addio eravam buoni tutti
Era l’ordinaria amministrazione
Erano tempi di cuori ghiacci
Eran tempi che si era imparato a ballare da soli
Eran tempi che un “è stato bello” non lo si negava a nessuno
Eran tempi che non pioveva più da sempre
Tempi di siccità feroce
Di occhi secchi
Neanche piangere qualche lacrima eravam più capaci

E le poesie d’amore costruite in serie come utilitarie
C’eran più poesie d’amore che innamorati
C’eran più poeti che soldati

E d’altronde la natura faceva il suo corso
Ragno mangia ragno
Labbro bacia labbro
Mano carezza viso
Pugno spezza naso
Nebbia in Val Padana
Occhio non vede cuore non duole
Cuore non batte ciao è stato bello
Ciao è stato bello salutami a casa

D’altronde avevamo perso il sonno
La rotta
La voglia
La fame
E “ti voglio bene”
- ho poi scoperto -
Ti voglio bene, si dice al cane.

(Catalano)

https://youtu.be/jsCCnpcGEWI

19 luglio 2009

strade..

..
non so toccar le cose..
non so comprenderle che a livello sotterraneo..
allora chiedo..
mi faccio spiegare..
cose..
e c’è chi sgrana gli occhi di fronte al mio volo all’in giù dalle nubi d'una distratta ingenuità..
cose..
parole..
le immagino in un posto che è dove esse non sono o dove, se sono, non mi interessa sapere del loro esistere..
vivo straniera in questo mondo senza trovare la strada per il mio..
un essere travestito d’umano che dai veri umani si lascia sbatacchiare, sventolare, ridurre a marionetta..
chiedo..
traduzioni..
distrattamente chiedo..
capisco, poi..
di non capire..
e allora per un attimo desidero..
d’essere come gli altri o, almeno, solo come qualcuno degli altri che non sono me..
poi mi sveglio..
mi dono all’essere e la cerco, quella strada..
che è dove io non sarò o dove, se sarò, non interesserà sapere del mio esistere..
..

..
somiglierà a questa, la mia strada..
una via fatta di sassi enormi e incredibilmente saldi..
con piccoli infiniti abissi che li separano gli uni dagli altri..
e una fine che continua..
(dentro il mare..)

4 commenti:

  1. "si lascia sbatacchiare"... come un'onda che arriva... e frange un sorriso sulla riva ˜

    RispondiElimina
  2. non so veder l'errore, stavolta.. (il sorriso sì ¤)

    RispondiElimina
  3. c'è solo una d che crede di essere una s... (e che "di lascia sbatacchiare" dal correttore...) ma in fondo come per "sorrido" piuttosto che "sorriso"... il senso si capisce... il senso è sempre quello ˜

    RispondiElimina