.

.

.

02.09.15

Ti voglio bene si dice al cane

D’altronde a quei tempi
A quei tempi bastava davvero poco a dirsi “addio”
A darsi un ciao d’addio eravam buoni tutti
Era l’ordinaria amministrazione
Erano tempi di cuori ghiacci
Eran tempi che si era imparato a ballare da soli
Eran tempi che un “è stato bello” non lo si negava a nessuno
Eran tempi che non pioveva più da sempre
Tempi di siccità feroce
Di occhi secchi
Neanche piangere qualche lacrima eravam più capaci

E le poesie d’amore costruite in serie come utilitarie
C’eran più poesie d’amore che innamorati
C’eran più poeti che soldati

E d’altronde la natura faceva il suo corso
Ragno mangia ragno
Labbro bacia labbro
Mano carezza viso
Pugno spezza naso
Nebbia in Val Padana
Occhio non vede cuore non duole
Cuore non batte ciao è stato bello
Ciao è stato bello salutami a casa

D’altronde avevamo perso il sonno
La rotta
La voglia
La fame
E “ti voglio bene”
- ho poi scoperto -
Ti voglio bene, si dice al cane.

(Catalano)

https://youtu.be/jsCCnpcGEWI

6 agosto 2009

esclusioni..

..
escludendo una certa sensazione di vuoto, (data da chissà che, poi?..), direi di sentirmi senz’altro molto bene..
cosa che, sono sicura, al mondo farebbe piacere sapere..
perciò questo mio comunicarglielo..
ché secondo me il mondo è un attento lettore di blog..
questo sembrerebbe un blog.. c’è scritto in alto.. dunque direi che lo sia..
e allora : ‘mondo! dico a te.. mi sento senz’altro molto bene.. ecludendo quella certa sensazione di vuoto data da chissà che.. tu ne sai nulla del vuoto che m’attanaglia nel profondo?’..
(..)
nulla..
o non si pronuncia.. o non legge blog.. o comunque se li legge non legge il mio.. oppure se legge il mio non lo sa..
..
escludendo il mondo che per oggi non risponde, (chissà perché, poi?..), direi di aver trovato il bandolo della simpatica matassa da me..
su quel vuoto, dico..
dev’essere per via del pranzo che mi ero preparata..
invece che nel mio stomaco è rimasto dentro il tostapane..
e allora vedi che tira oggi, tira domani, si dipanano certe trame all’apparenza intricatissime?
per evitarne fin dall’inizio l’ingarbugliamento basterebbe una semplice applicazioncina a tutti quei meccanismi atti a scaldare il cibo (toaster o microonde o fornellini da campeggio).. una roba tipo ‘gong’ o anche solo una vocetta registrata che urlasse ‘è pronto in tavolaaaa!’..
ho paura a chiedere al mondo.. sicuramente esiste già e io, (chissà perché, poi?..), non ne sono stata informata..
’heilà, mondo.. escludiamo le parole per un po’, vuoi?’
(..)
nulla..
il mondo o non si pronuncia.. o non legge blog.. o comunque se li legge non legge il mio.. oppure se legge il mio non gliene frega granché delle parole..
nulla..
..
escludendo il nulla, almeno per il momento, mi toccherà tenere quel che resta..


(vuoto..)

Nota (tra me e me) : (aggiornamenti dell'ultima ora) da queste parti il mio stomaco continua a brontolare e il mondo a non rispondere.. non credo sia questione di bande larghe che si son fatte strette o di incompatibili frequenze.. penso proprio che si sia offeso per qualcosa.. forse si è sentito escluso.. (chissà perché, poi?..)

6 commenti:

  1. C'è un piccolo mondo che legge il tuo, fin da quando l'hai creato.. i tuoi pensieri spesso riportano il sorriso anche sulla mia faccia stanca.. comunque sia il mio piccolo mondo e felice di leggerti.. P.S: Si!! direi proprio che questo è un blog!

    Mondo :)

    RispondiElimina
  2. hola, mondo.. o devo chiamarti world?.. non si sa mai.. immagino che con questa faccenda della globalizzazione pure tu sia un po' disorientato (ti capisco).. io di nome faccio milena (sia in italiano che in inglese.. come vedi ho meno problemi di te..).. scherzi a parte, grazie per questo bellissimo commento (veramente!), chiunque tu sia.. un sorriso.. da milena a quel piccolo grande mondo..

    RispondiElimina
  3. il mondo va a puttane..altro che..

    Scusa l'intrusione,sono passata da qui per caso :)
    Baci.

    RispondiElimina
  4. .-. Io il mondo non lo sento,dal momento in cui sono nata. E forse e anche per questo,che mi sono ridotta cosi,alla follia giornaliera di me stessa,che si ripercuote sugli altri.
    Il mondo però sa,osserva e tace,ancora però,non ho capito perchè decide di stare in silenzio.
    Ti assicuro che c'è e delle volte te lo senti proprio sopra,perché diventa pesante e insostenibile. Poveretto infondo lui continua a girare per l'eternità..non ha colpa.
    O forse si? Fatto sta,che noi siamo destinati a questo.
    Infondo le parole a cosa servono?
    Il dubbio,per certi versi e più reale della verità.

    Che assurdità che dico! Perdonami!
    Un saluto :). Bel post.

    RispondiElimina
  5. direi che al mondo non so, ma a me interessa sapere che stai bene :)baci

    RispondiElimina
  6. a Ukiyo : beh, immagino non tutti i giorni e tutto il giorno.. e che è? sting?.. macché intrusione, figurati.. lieta di vederti qui.. ti sorrido..

    a Folle(ecc.ecc.) : la 'follia' è già un sentirlo, il mondo.. mica si manifesta a tutti nello stesso modo, lui.. magari da te si fa vedere.. a volte si può comunicare anche coi gesti.. capita spesso che la voce sia superflua.. ma quali assurdità?.. e poi.. se anche fosse.. potremmo fare a gara ;).. grazie.. a presto..

    a naimablu : sì.. ho litigato con una zanzariera ma ho avuto la meglio.. come si dice? l'erba cattiva.. baci a te!..

    RispondiElimina