.

.

.

02.09.15

https://www.youtube.com/watch?v=kQha5einETw

Avrei bisogno di un po’ di riposo, dice il dottore.
Ne avrei bisogno in effetti, hai ragione doc
e anche tu
anche tu ne avresti.
E avremmo bisogno
di un po’ di gatti
qualche pillola colorata
un po’ di pace
una bici nuova
probabilmente baci
un bunker antiatomico
avremmo bisogno di qualcuno
di qualcuna
che domani pensi a noi nella battaglia
e avremmo bisogno di un po’ di aria pulita
di penombra
un po’ di vino bianco fresco
avremmo bisogno di un po’ di carezze
magari di fare un po’ all’amore
avremmo bisogno
che qualcuno abbassi l’aria condizionata
e avremmo senz’altro bisogno di un po’ di silenzio
un po’ di buona poesia
e un po’ di buona musica
di lenzuola pulite
e un nuovo cuscino
e avremmo bisogno
che lei la smettesse di guardare
di nascosto in continuazione
quel cazzo di telefono
mentre siamo a pranzo assieme.
Di cos’altro, doc?
Un po’ di gentilezza, certo
un paio di pantaloni nuovi
– non trovi che in giro
ci sia un’incredibile mancanza di eleganza? –
e che venga presto settembre

(Guido Catalano)

20 agosto 2009

miraggi..

..
ma davvero avevo pensato?..
ma davvero avevo creduto?..
sì..
davvero..
e invece?..
no..
invece no..
non era vero nulla..
che era finita..
che ci avevo visto bene..
che bene ci avevo sentito..
non era vero..
accidenti a questo girotondo d’ingannevoli percezioni..
accidenti alle unità di misura non misurabili se non con termini come ‘un tot’, ‘suppergiù’, ‘massìdaipiùomenocosì’..
accidenti?..
macché accidenti..
grazie, semmai..
grazie a tutti i girotondi e alle molte mancate misurabili unità..
grazie?..
macché grazie..
accidenti, direi..
e allora, tanto per finirla, che non se ne può più, facciamo accidenti e grazie..
ah.. che sollievo!..
il sano compromesso..
accidenti e grazie, ok..
ma.. a che?..
ai miraggi, chiaro..
un momento..
davvero non era poi vero?..

(la domanda di riserva, c'è?..)

nota :
forse (e dico forse..) del caldo..
e quando?..
forse (e ripeto forse..) le volte in cui dovesse sembrare più di ieri e meno di domani.. (o era il contrario?..)
e dove?..
forse (!!) ove il tutto(tutto..) fosse comunque ancora da vedere, supponendo che, del dì in sera (così come, di quella in notte..) la trasformazione ancora non avesse a essere.. avvenuta..

Nessun commento:

Posta un commento