.

.

.

02.09.15

https://www.youtube.com/watch?v=kQha5einETw

Avrei bisogno di un po’ di riposo, dice il dottore.
Ne avrei bisogno in effetti, hai ragione doc
e anche tu
anche tu ne avresti.
E avremmo bisogno
di un po’ di gatti
qualche pillola colorata
un po’ di pace
una bici nuova
probabilmente baci
un bunker antiatomico
avremmo bisogno di qualcuno
di qualcuna
che domani pensi a noi nella battaglia
e avremmo bisogno di un po’ di aria pulita
di penombra
un po’ di vino bianco fresco
avremmo bisogno di un po’ di carezze
magari di fare un po’ all’amore
avremmo bisogno
che qualcuno abbassi l’aria condizionata
e avremmo senz’altro bisogno di un po’ di silenzio
un po’ di buona poesia
e un po’ di buona musica
di lenzuola pulite
e un nuovo cuscino
e avremmo bisogno
che lei la smettesse di guardare
di nascosto in continuazione
quel cazzo di telefono
mentre siamo a pranzo assieme.
Di cos’altro, doc?
Un po’ di gentilezza, certo
un paio di pantaloni nuovi
– non trovi che in giro
ci sia un’incredibile mancanza di eleganza? –
e che venga presto settembre

(Guido Catalano)

2 agosto 2009

momenti..

..
il momento è una morsa.. che opprime il petto..
franano a grappoli le troppe parole mai pronunciate..
occludono.. soffocano.. sovrastano..
ci sono momenti che durano intere giornate..
allora..
mi si pianta in mezzo agli occhi una voce..
e sembra canto acuto di sirena che lamenti un dolore..
stride immersa in un silenzio che è come di notte ormai inoltrata..
non per me vorrei farla tacere, ma per chi ancora dorme quel sonno che io più non posso immaginare..
manca un po’ di tempo..
ore sospese che solo ricordo..
tanti giorni diversi e insieme mescolati a farne uno..
il solo che, richiamato alla mente, mi facesse diventar sorda a quel pianto..
sembrerebbe andato, ora..
perduto in un respiro che non sono riuscita a prendere per poi liberare..
e ancora quel canto che difetto a decifrare..
e ancora quel peso che non posso sostenere..
e ancora io in un diverso giorno a cercar di ricordare..
quando da me sapevo far uscire il mondo e il mondo far entrare..
senza mai di più volere..

(senza mai voler fuggire..)

5 commenti:

  1. :-*
    (!)
    Mi viene in mente"senza parole" ora come canzone, ma non so perchè.
    Sereno riposo.

    RispondiElimina
  2. a rischio di risultare ossequioso o banale ribadisco che sei brava dare forma a sensazioni che conosco bene (e non dire che bisgona essere bravi a leggere :) ). In ogni caso se ricordi un tempo in cui tu e il mondo eravate vasi comunicanti di vita, quel tempo lo ritroverai; io non sono nemmeno certo di averlo mai vissuto un tempo cosi'..

    RispondiElimina
  3. a fabio : ¤

    a elo : senti ma.. lo sai che sono matusa.. mica lo conosco io il linguaggio giovanile.. :-*.. cosa mi starebbe a significare?.. è uno con una macchia di gelato sulla guancia o sei tu che mandi un bacino?

    a Gary Coopo : grazie.. non mi sembri affatto ossequioso o banale.. io credo che anche tu l'abbia vissuto, un tempo simile.. se lo hai riconosciuto attraverso poche righe scritte, dev'essere così.. ti sorrido.. m. ps : ma la farfalla non l'hai schiacciata davvero, no????

    RispondiElimina
  4. no, figurati non farei male nemmeno a una mosca.. a una zanzara invece infliggerei indicibili torture :)

    RispondiElimina