.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

4 agosto 2009

sipari..

..
mi capita una freddezza assurda, a volte..
è come un sipario che cada dall’alto a dividere i miei occhi da certi luoghi del pensiero..
la sento, la freddezza che mi anestetizza la mente..
mi cala addosso all’improvviso..
proprio dietro agli occhi..
e mentre dentro qualcosa mi urla che devo o non devo far qualcosa (morirai morirai se non mi ascolterai sarà la fine stavolta la fine di tutto buio buio solo di buio sarai circondata per i secoli a vagare nel buio a nuotarci dentro in questo denso appiccicoso buio..), io smetto d’essere io e mi trasformo in freddezza pura..
allora diventano semplici le conclusioni..
..
col freddo ogni inizio e ogni fine sono molto meno paurosi..
non perché su tanto ghiaccio i pensieri siano costretti a scivolare..
ma perché da tanto ghiaccio i pensieri sono costretti a esser forgiati..
(se sono ghiaccio nulla farà male..se sono ghiaccio è come se fossi morta..)
..
ci vorrebbe un congelatore, dietro agli occhi, però.. perché il sipario, poi, si scioglie..
e con lui un pensiero..
’al ghiaccio nulla fa più paura..’

se solo non fosse per tutto quel prima..

(se non fosse per tutto quel dopo..)

6 commenti:

  1. se non fosse per quel "dopo", forse saremmo già morti. oggi ho sentito freddo anch'io, era un freddo di quelli buoni, quelli che tracciano la giusta distanza da ciò che rischia di sciogliere il ghiaccio e farne vapore. un abbraccio [fortissimo, anche dalla signora in giallo ;)]

    RispondiElimina
  2. ... come acqua fresca, sciolgo sorrisi...

    [e sopra ci veleggia un pensiero... cosa non sarebbe il ciclo dell'acqua, però, senza tutti quei prima, quei dopo e quei durante, eh!?...]

    ˜

    RispondiElimina
  3. Anch'io a volte divento ghiaccio puro...e mi stupisco di me...ma questa sono anche io e non posso ignorare...bacio e s&a sardi ***** aiò!

    RispondiElimina
  4. a naimablu : tu forse non sai che forza riescano a dare, tutti i tuoi colori.. e quale e quanta mancanza di giallo, avessi ieri..

    a fabio : già.. l'acqua la sa lunga.. con quel suo seguire le asperità fluendo.. non ci sarebbe vita, senza tutti quei se.. in più se non fosse per tutto quel prima, quel durante e quel dopo avrei un perenne mal di testa.. (i sipari di ghiaccio dietro gli occhi non sono esattamente dei toccasana)..
    ¤

    ad anto : che bello vederti passare di qui!.. ho un ricordo bellissimo legato alla Sardegna (aiò).. e leggendo il tuo ultimo post su 'you rock..', vedo che anche a te ha regalato sensazioni che han lasciato il segno.. (parole bellissime, quelle che hai trovato per descriverle).. s&a.. *****

    RispondiElimina
  5. facciamo così, quando hai bisogno del giallo vieni da me, te ne regalo un po' io, lo chiediamo alla signora in giallo ;) se poi, vuoi scorte d'azzurro..beh, per quello ci sono io. un abbraccio fortissimo

    RispondiElimina
  6. un abbraccio a te, amica-arcobaleno.. :)

    RispondiElimina