.

.

.

02.09.15

Ti voglio bene si dice al cane

D’altronde a quei tempi
A quei tempi bastava davvero poco a dirsi “addio”
A darsi un ciao d’addio eravam buoni tutti
Era l’ordinaria amministrazione
Erano tempi di cuori ghiacci
Eran tempi che si era imparato a ballare da soli
Eran tempi che un “è stato bello” non lo si negava a nessuno
Eran tempi che non pioveva più da sempre
Tempi di siccità feroce
Di occhi secchi
Neanche piangere qualche lacrima eravam più capaci

E le poesie d’amore costruite in serie come utilitarie
C’eran più poesie d’amore che innamorati
C’eran più poeti che soldati

E d’altronde la natura faceva il suo corso
Ragno mangia ragno
Labbro bacia labbro
Mano carezza viso
Pugno spezza naso
Nebbia in Val Padana
Occhio non vede cuore non duole
Cuore non batte ciao è stato bello
Ciao è stato bello salutami a casa

D’altronde avevamo perso il sonno
La rotta
La voglia
La fame
E “ti voglio bene”
- ho poi scoperto -
Ti voglio bene, si dice al cane.

(Catalano)

https://youtu.be/jsCCnpcGEWI

17 agosto 2009

tu chiamale, se vuoi..

..
quasi tutto ha un senso..
un senso strano..
ma almeno uno, nella maggior parte delle cose, ce lo trovo..
e lo so che, in fondo, il senso che attribuisco al ‘tutto’, non è che un’opinione..
ma a me piace chiamarlo significato..
così..
mi piace..
ogni significato è un’emozione a sé..
e l’emozione è umana quanto l’opinione, ma anche un po’ di più..
insomma..
voglio più bene alle mie emozioni che alle mie opinioni..
e se adesso qualcuno mi venisse a dire che, in realtà, si tratta della stessa cosa, solo asimmetricamente sfaccettata dal disunito macinar di mentali ingranaggi, beh..
dapprima ci rimarrei male..
forse.. sì.. un po’ male..
come quando da piccola mi hanno detto che babbo natale non esisteva..
ma poi.. poi continuerei a mantenere la mia opinione sulle emozioni..
e cioè che non sono opinioni..
dopo, ancora, dubiterei di me..
poi, mi metterei a cercar di decifrare una cosa a caso, pescata da un cilindro d’immaginarie situazioni..
com’è?.. com’è - mi domanderei - quando capita qualcosa d’improvviso, non importa cosa, ma talmente fuori programma da spiazzarti?..
ah, ecco!..
quello è il blu..
quello è l’inaspettato..
quella è la meraviglia d’essere sott’acqua e di scoprire, una volta vinta la paura, di riuscire a respirare..
ora, se la pensassi così sarebbe un’opinione..
ma io non la penso così..
io.. è così che la.. sento..

(è un’emozione..)

nota : a volte anche far la spesa può rivelarsi un’emozione.. per esempio quando si compra un servizio di tazzine arancioni e una lampada da tavolo blu e quelle, inaspettatamente, non vanno in mille pezzi nel tragitto dal supermercato a casa..
(ah!.. qui sì che il sospiro sorge spontaneo!.. non senza un sentito 'grazie di esistere' alla commessa che con tanta cura me le ha riposte usando un sacco di sportine a mo' d'ammortizzatori tra un coccio e l'altro.. e ora.. i cocci sono miei!!..)

5 commenti:

  1. ...Lo stupore di rientrare e non trovare le uova rotte...di aver lasciato l'auto aperta tutta la notte e ritrovarla sotto casa con tutti i suoi optional...lo stupore di vedere un sorriso su un volto...lo stupore di ritrovarsi con l'auto ferma per la strada e qualcuno che si ferma per spingerla insieme a te...lo stupore di un incontro inaspettato...lo stupore di una lettura che ti incolla al libro...noi stupiamo (da non confondere con "stupidiamo") e siamo belli per questo...e allora si...chiamiamole emozioni...S&A*****

    RispondiElimina
  2. mi sorprende sempre quello, delle emozioni, che non sono opinabili, checché ne dica qualcuno...
    ma è solo un'opinione, la mia [arancione, però... su questo non c'è alcun dubbio] ˜

    RispondiElimina
  3. chissà se le lineette lunghette degli incisi – mi domanderei, se fossi pignolo – tu le abbia poi trovate... ma dal momento che sono tanto pignolo da verosomigliar una pigna – e tenuto conto che blogspot le accorcia di suo – esclamerei: "almeno gli spazi, però!"... rido

    RispondiElimina
  4. Le emozioni e le opinioni non sono per niente la stessa cosa.
    Ma trovo strano che uno debba preferire le une alle altre...

    RispondiElimina
  5. forse è solo questione di momenti.. non c'entra il dovere o il non dovere.. il pensiero va veloce.. ora come ora non ricordo nemmeno bene cosa mi abbia spinto il giorno 18 agosto a scrivere di emozioni e di opinioni.. ti sorrido.. m.

    RispondiElimina