.

.

.

02.09.15

https://www.youtube.com/watch?v=kQha5einETw

Avrei bisogno di un po’ di riposo, dice il dottore.
Ne avrei bisogno in effetti, hai ragione doc
e anche tu
anche tu ne avresti.
E avremmo bisogno
di un po’ di gatti
qualche pillola colorata
un po’ di pace
una bici nuova
probabilmente baci
un bunker antiatomico
avremmo bisogno di qualcuno
di qualcuna
che domani pensi a noi nella battaglia
e avremmo bisogno di un po’ di aria pulita
di penombra
un po’ di vino bianco fresco
avremmo bisogno di un po’ di carezze
magari di fare un po’ all’amore
avremmo bisogno
che qualcuno abbassi l’aria condizionata
e avremmo senz’altro bisogno di un po’ di silenzio
un po’ di buona poesia
e un po’ di buona musica
di lenzuola pulite
e un nuovo cuscino
e avremmo bisogno
che lei la smettesse di guardare
di nascosto in continuazione
quel cazzo di telefono
mentre siamo a pranzo assieme.
Di cos’altro, doc?
Un po’ di gentilezza, certo
un paio di pantaloni nuovi
– non trovi che in giro
ci sia un’incredibile mancanza di eleganza? –
e che venga presto settembre

(Guido Catalano)

1 settembre 2009

flessibilità nascoste..

..
mai abbastanza creo..
mai abbastanza dono..
mai abbastanza mi riconosco in quei momenti improvvisi di passato che mi arrivano addosso e lì si depositano come veli, e non già di memoria..
sembrano talmente ora, questi ieri, che nemmeno pensare li so, senza respirarci dentro..
inalo apnee che servono a superare una specie di dolore..
e non è poi nostalgia.. ché esserci, ci sono.. io.. qui e là.. ove forse è il là a esser qui e non più un io ma un quando a prender movimento..
e magari è per parallelismi asincroni di rotte che all’improvviso rendessero a sé stesse la libertà negata da certi binari e prestabiliti tempi, se le linee di chi in me ricordo si sovrappongono così repentinamente a quelle di chi in me ora sono..
e già so che mai abbastanza, creando o costruendo nuovo futuro (né quello regalando), da chi sono stata a chi essere mi trovo, quella necessaria distanza riuscirò a ristabilire..

7 commenti:

  1. Che parolone ristabilire!! (per me almeno)
    invidio molta gente che riesce a farlo,
    ristabilisocno famiglie,gente che per via di terremoti cessa di vivere metaforicamente,ristabiliscono il lavoro,ristabiliscono ogetti,ristabiliscono giardini,ristabilisocno coppie,ristailiscono occasioni ed opportunità..
    ed ora che vorrei anche io ristabilire la mia persona,che vorrei entrare in gioco io..
    no..
    io sono solo un amica..


    un bacione grosso grosso!

    RispondiElimina
  2. io lascerei le cose così...perché dover stabilire? Un baciotto :)

    RispondiElimina
  3. a Ukiyo : tu forse ora non lo sai, ma questa potrebbe rivelarsi una gran fortuna.. io penso che 'solo' non sia mai adatto alla parola 'amica'.. ti abbraccio forte.. m.

    a naimablu : ma quanto sono felice di leggerti da uno a cento??.. sorrisi a te e a tutti i colori che avrai raccolto in questi giorni di vacanza!.. mil

    RispondiElimina
  4. Non si crea e non si dona mai abbastanza per contrapporre la necessaria distanza da come ci sentiamo veramente... Il punto forse è chi siamo.
    Io comunque non penserei troppo a tutti quei ieri che non voglion tramontare mai. Godiamo l'oggi.

    Ho apprezzato molto il tuo slideshow.

    sempre in, ciao.

    RispondiElimina
  5. ciao davide.. sempre bello trovarti qui.. lo slide show è preso dalla gallery di archi3d su flickr (non sono foto mie..).. un sorriso a te e al tuo presente.. milena

    RispondiElimina
  6. secondo me, da 1 a 100...mmm, vediamo: 3? :) Io tanto, felice, di leggere Te

    RispondiElimina
  7. macché tre.. tre-cento.. mi mancava il tuo blu.. ti abbraccio!.. m.

    RispondiElimina