.

.

.

02.09.15

https://www.youtube.com/watch?v=kQha5einETw

Avrei bisogno di un po’ di riposo, dice il dottore.
Ne avrei bisogno in effetti, hai ragione doc
e anche tu
anche tu ne avresti.
E avremmo bisogno
di un po’ di gatti
qualche pillola colorata
un po’ di pace
una bici nuova
probabilmente baci
un bunker antiatomico
avremmo bisogno di qualcuno
di qualcuna
che domani pensi a noi nella battaglia
e avremmo bisogno di un po’ di aria pulita
di penombra
un po’ di vino bianco fresco
avremmo bisogno di un po’ di carezze
magari di fare un po’ all’amore
avremmo bisogno
che qualcuno abbassi l’aria condizionata
e avremmo senz’altro bisogno di un po’ di silenzio
un po’ di buona poesia
e un po’ di buona musica
di lenzuola pulite
e un nuovo cuscino
e avremmo bisogno
che lei la smettesse di guardare
di nascosto in continuazione
quel cazzo di telefono
mentre siamo a pranzo assieme.
Di cos’altro, doc?
Un po’ di gentilezza, certo
un paio di pantaloni nuovi
– non trovi che in giro
ci sia un’incredibile mancanza di eleganza? –
e che venga presto settembre

(Guido Catalano)

22 settembre 2009

diluvi..

..
recuperata la distanza tra ciò che appare e ciò che conta mi riscopro..
e nel trovarmi, il cuore tutto mi s’allaga, come per un diluvio che del superfluo le tracce abbia lavato..
mai stata più me che in questa consapevolezza..
d’esser io stessa, spesso, un ‘di più’ che il mondo, non tanto intenda cancellare, quanto piuttosto ridimensionare, allorquando delle ragioni del cuore quello arrivi a farsi scudo per invadere spazi che non gli siano per destinale condizione riservati..
e dunque, potendo, ogni dove cerco d’andar meno possibile occupando..
se farsi acqua fosse meno complicato magari più sovente, come quella, solo a scorrere riuscirei..
ma quando infine, allungando la mano, e con essa della consistenza il volto m’esploro.. e di medesima sostanza di ciò cui il fluire è innato come per me lo è il respirare, lo scopro, senz’altro, esser diventato.. allora, solo, penso..
che se a farmi arrivare a questo punto il pianto tanto ha contato..

(il valore, fosse anche d’una sola di quelle lacrime..

davvero non ha misura..)
foto di gurzrip

4 commenti:

  1. quello che penso di quello che senti e di come lo scrivi lo sai..
    Dici di non avere nulla da insegnare ma il solo essere riuscita a colmare quella distanza a me sembra una grande conquista

    RispondiElimina
  2. forse era poi solo un’impressione.. e magari anche la tua non è altro che un’impressione.. e le impressioni hanno del bello.. fanno il loro mestiere, le impressioni.. impressionano.. ora lasciarsi impressionare va anche bene.. basta che poi s’accetti di farla scorrere in avanti, la nostra pellicola.. ché ogni impressione è davvero figlia del momento.. e in quello deve nascere e poi morire, per poter restare.. (che cavolo ho detto nemmeno stavolta lo so.. mannaggia a me).. facciamo che quel che conta è il sorriso che ti lascio qui e non se ne parli più.. :).. m.

    RispondiElimina
  3. ti auguro sempre di essere figlia di te stessa e di nessun altra cosa. :)

    RispondiElimina
  4. grazie dark0.. davvero.. ti sorrido.. m.

    RispondiElimina