.

.

.

02.09.15

https://www.youtube.com/watch?v=kQha5einETw

Avrei bisogno di un po’ di riposo, dice il dottore.
Ne avrei bisogno in effetti, hai ragione doc
e anche tu
anche tu ne avresti.
E avremmo bisogno
di un po’ di gatti
qualche pillola colorata
un po’ di pace
una bici nuova
probabilmente baci
un bunker antiatomico
avremmo bisogno di qualcuno
di qualcuna
che domani pensi a noi nella battaglia
e avremmo bisogno di un po’ di aria pulita
di penombra
un po’ di vino bianco fresco
avremmo bisogno di un po’ di carezze
magari di fare un po’ all’amore
avremmo bisogno
che qualcuno abbassi l’aria condizionata
e avremmo senz’altro bisogno di un po’ di silenzio
un po’ di buona poesia
e un po’ di buona musica
di lenzuola pulite
e un nuovo cuscino
e avremmo bisogno
che lei la smettesse di guardare
di nascosto in continuazione
quel cazzo di telefono
mentre siamo a pranzo assieme.
Di cos’altro, doc?
Un po’ di gentilezza, certo
un paio di pantaloni nuovi
– non trovi che in giro
ci sia un’incredibile mancanza di eleganza? –
e che venga presto settembre

(Guido Catalano)

2 settembre 2009

pieghe..

..
e sono piega..
sono piega su una guancia che s’increspa d’onde interne e incontenibili..
..
e sono piega..
sono piega a sgualcire l’altrimenti perfetto evolversi del tempo..

che, per forza, da me viene snaturato..

(che da me, per forza, viene deviato..)

10 commenti:

  1. che da te, inevitabilmente, viene ricamato ;)

    RispondiElimina
  2. sono pieghe..che resteranno..
    che sono indelebili..
    sono pieghe della vita..
    noi siamo pieghe dell'esistenza..

    Un bacione :)

    RispondiElimina
  3. buone pieghe a te, Ukiyo.. e al tuo tempo.. ti sorrido.. m.

    RispondiElimina
  4. E che da me non viene accettato! Ma ci sto lavorando. :)

    RispondiElimina
  5. se c'è qualcuno che può farcela, non so perché, ma credo che quello sia tu.. intuito femminile ;)

    RispondiElimina
  6. In pieghe mi sono persa. Ricordo ancora il tessuto che mentre dormivi cingeva il tuo corpo. E non ti vergognavi di quella pancia che ogni tanto faceva una piega. Giacilio adorabilmente dolce e puro sul quale sognavo di appoggiare il viso. E mi incantavo nelle mille pieghe dei tuoi piedi che imbarazzati da tanto ardore si nascondevano sotto altre pieghe del lenzuolo. E quelle pieghe ancora del tuo viso, visibili solo al tuo sorriso regalato in una giornata di sole.
    E mille e mille altre pieghe che ho seguito col dito per farti ridere, per spronarti ad alzarti, per dirti che sei meravigliosa, che amo tutto di te.
    Anche le pieghe.

    RispondiElimina
  7. incantata.. sono parole molto belle..

    RispondiElimina
  8. Sono le emozioni più forti, a lasciare un segno del loro passaggio. Si tratta di cose bellissime, oppure di cose orribili. Ma comunque forti. Vive. Come noi.



    Spero d'avere un sacco di pieghe, quando [e se] avrò sessant'anni. Non me ne vergognerò. Anzi.

    RispondiElimina
  9. sono belle, le pieghe.. (sì, che lo sono..).. un sorriso, davide.. m.

    RispondiElimina