.

.

.

02.09.15

"donde no puedas amar, no te demores"

(kahlo)

25 novembre 2009

orli..

..
si precipita..
piano..
di attimo in attimo che è già l’attimo in cui ci si ritrova un passo più in là di ogni dove dal quale tornare non si può..
e ti cancella, tempo, come gomma con tratto di matita..
semplice è oblio.. e disperato.. somiglia a perenne marea che in gocce colte sul proprio stesso orlo a sporgersi, si lasciasse da ogni incalzar d’infiniti ‘poi’ scomporre..
è proprio così che si smette d’essere intero..
(lentissimamente)..


.
(di colpo)..

Nessun commento:

Posta un commento