.

.

.

02.09.15

https://www.youtube.com/watch?v=kQha5einETw

Avrei bisogno di un po’ di riposo, dice il dottore.
Ne avrei bisogno in effetti, hai ragione doc
e anche tu
anche tu ne avresti.
E avremmo bisogno
di un po’ di gatti
qualche pillola colorata
un po’ di pace
una bici nuova
probabilmente baci
un bunker antiatomico
avremmo bisogno di qualcuno
di qualcuna
che domani pensi a noi nella battaglia
e avremmo bisogno di un po’ di aria pulita
di penombra
un po’ di vino bianco fresco
avremmo bisogno di un po’ di carezze
magari di fare un po’ all’amore
avremmo bisogno
che qualcuno abbassi l’aria condizionata
e avremmo senz’altro bisogno di un po’ di silenzio
un po’ di buona poesia
e un po’ di buona musica
di lenzuola pulite
e un nuovo cuscino
e avremmo bisogno
che lei la smettesse di guardare
di nascosto in continuazione
quel cazzo di telefono
mentre siamo a pranzo assieme.
Di cos’altro, doc?
Un po’ di gentilezza, certo
un paio di pantaloni nuovi
– non trovi che in giro
ci sia un’incredibile mancanza di eleganza? –
e che venga presto settembre

(Guido Catalano)

4 novembre 2009

d'ieri(colori)..

..
cinque anni e un’alba..
dormiveglia inevitabilmente abbandonato..
leggero ma irresistibile, il richiamo..
soggettive d’interno sul giorno appena nato..
sapore di preparativi e caffèllatte..
in una cucina l’immenso d’uno spazio ch’è famiglia, a confondere autunno con calore..
(del tutto inconsapevole, l’abbraccio..)
cinque anni e un capriccio..
desiderio d’esserci (dentro).. necessità d’entrarci (fuori)..
non del tutto distante, il diluvio..
inamovibile fiducia in un ritorno che d’alcuna prova chieda sia fatto manifesto..
stivali rossi.. impermeabile giallo..
(è così poco..)
poco che però basta.. basta, sì.. perché d’un tratto io stessa sono arbusto che da arbusti quella fiamma in sé, solo indossando, già più riceve.. giusto casuale e vaga, la somiglianza che pur, accadendo, d’esser riconosciuta non manca..
..
cinque anni e un universo tutto intero incredibilmente racchiuso in finita forma..
(ma è prato.. non prigione)..
cinque anni e una mano grande a farmi perder mano in decisa stretta..
(ma è amore.. non possesso)..
..
sì..
s’andava per funghi, una mattina d’autunno di trentun anni fa..


[e oggi che è quasi diluvio (ma non ancora),
è quel diluvio che mi piace ricordare..]

2 commenti:

  1. Bellissima questa,in particolare questo album l'ho ascoltato molte volte...
    Saluto
    M

    RispondiElimina
  2. :).. io no.. è la mia prima, con questa.. eheh.. saluto?.. cordialità, allora.. dai che scherzo.. una bella serata.. e sorrisi.. m.

    RispondiElimina