.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

2 novembre 2009

eventualità..

..
poco da spiegare in un flusso migratorio di nubi sospinte dal vento (e quanto convinto)..
nulla a che vedere con me quel cielo, sotto, che d’azzurro occhieggia autunno e di gelo canta una stagione più in là..
d’invisibilità e inutile presenza consapevole, grazie a sola casuale azione divenuta passivo tramite di tal circostanziale avvenimento, pur non mi risolvo a tirarlo giù, questo naso che per aria mi s’appende..
poco da spiegare..
ancor meno da pensare..
ma una cosa forse sì..
una sola, da sussurrare..
(chissà cosa sarebbe stato


se solo avessi avuto occhi più grandi..)

6 commenti:

  1. ecco, più o meno a metà (come te nelle canzoni) più o meno all'altezza di "..sola casuale azione divenuta passivo tramite di tal circostanziale avvenimento" mi son perduto .. :)

    RispondiElimina
  2. se dico che mi son persa anch'io sembro molto scema? ;).. beh.. non l'ho mica detto.. era solo un'ipotesi..

    RispondiElimina
  3. io ho gli occhi grandi, non sempre è un affare ;) buona nanna, io sarò cullata dalle tue dolci parole.

    RispondiElimina
  4. grazie :)).. una bella notte a te e ai tuoi grandi occhi.. m.

    RispondiElimina
  5. non ci ho capito un tubo ma è bella, brava!
    enr
    (l'ho postato anche in quello sopra ma non c'entra, va bene qui)

    RispondiElimina
  6. eheheheheh.. sarai scemo?.. cret-tino!!.. (hai scordato il bis ma ti perdono).. :).. m.

    ps. i piatti però non te li lavo!.. sarà che non ci capisco un tubo di detersivi?.. mah?!..

    RispondiElimina