.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

7 gennaio 2010

diciannoveeventisette..

..
inizio distratto.. più asincrono trifase d’un motore mandato alla giusta frequenza.. ma qualcosa a visitarmi c’è.. sempre.. nonpensiero elettrico che pulsa il suo perché.. dimentico scadenze ed evito d’apporre timbri al mio domani.. va bene così (penso).. fatalismo riciclato cui manca rima e fantasia per diventar proverbio.. specchio di proiezioni andate non fa più paura.. è sola di riverberi, la sera.. un manto di strada provvisto di lucore interscambiabile e(a?) immoto vagare m’accompagna i passi su un adesso distinto (si sarà anche impegnato qualcosa pur di noleggiare il frac.. ma fa la sua figura)..
(diciannoveetrentadue)..

Nessun commento:

Posta un commento