.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

17 febbraio 2010

equilateritalismi..

..
molto poco di nuovo in questo movimento minimo di leggerezza che pur muta.. ma io non ci son dentro e ancora separata dal sempreepersempre al nonmai m’adeguo quasi fosse un compromesso forse dovuto.. a chi non è poi chiaro.. ma siccome quasi nulla lo è, ne decreto l’assoluta irrilevanza bandendo l’interrogativo dai miei segni d’interpunzione mentale.. lascio fluire e poi fisso ogni atomo nuovo che aggregato fa materia spostata sul dovevabenepurchénoninbraccioamechehogiàleborsedellaspesa.. esisto talmente poco che immagino la scena vista dal di fuori come una specie di gioco di prestigio.. triangolo equilatero su sfondo bianco bordato rosso.. sportine in levitazione.. (occhio che qui fan la foto.. e se proprio non volete stare attenti.. beh.. almeno sorridete)..

2 commenti: