.

.

.

02.09.15

"donde no puedas amar, no te demores"

(kahlo)

9 febbraio 2010

tiè..

..
avevo in mente di mettere ordine.. una di quelle cose che fanno risaltare tutto di.. funzionalità.. ecco.. detto così suona quasi come un fulgore.. un lampo che già da sé col silenzio ti fa tappar le orecchie di riflesso.. sarebbe andato bene tutto.. addirittura il disordine.. purché fosse ordinato, ovvio.. e probabilmente questa è una cosa impossibile ma io poi divento testarda e allora.. e allora inizio a credere che il mio modo di intendere l’a-posto sia quello giusto.. magari lo è per me.. e mi basta.. non è che adesso posso mettermi lì a pensare che un collegamento al contrario finisce col fare benissimo il suo lavoro.. o sì?.. potrei ammetterlo, certo.. potrei pure ribaltarmi a testa in giù e camminare con le mani se è per questo.. con un po’ d’allenamento riuscirei negli spostamenti uguale uguale.. e forse vedrei bene e chiare le cose come stanno, senza più giudicarle troppo o troppo poco.. potrei questo e potrei quello.. in barba ai limiti e ai perché.. il ma non ce lo metto, ecco.. chi l’ha detto che ogni lampo deve per forza avere un tuono che lo tallona?..

Nessun commento:

Posta un commento