.

.

.

02.09.15

"donde no puedas amar, no te demores"

(kahlo)

14 marzo 2010

angolazioni..

..
concatenata alla ripetitività dei gesti brilla la prospettiva.. come mica occhieggia di tra l’aridità sabbiosa che è poi polvere, quanto di più prossimo a un parente potremmo mai riconoscere in cosa inanimata.. e dà senso, come se fosse traccia ma senza volersi far direzione.. il sospiro le si dipana sommesso e tanto vacuo da durar l’istante d’un abbassarsi di ciglia e d’un ricomporsi di pupilla sul mare d’orizzonte, allorquando quell’orizzonte che l’occhio stesso è, infine, si dischiude..

Nessun commento:

Posta un commento