.

.

.

02.09.15

https://www.youtube.com/watch?v=kQha5einETw

Avrei bisogno di un po’ di riposo, dice il dottore.
Ne avrei bisogno in effetti, hai ragione doc
e anche tu
anche tu ne avresti.
E avremmo bisogno
di un po’ di gatti
qualche pillola colorata
un po’ di pace
una bici nuova
probabilmente baci
un bunker antiatomico
avremmo bisogno di qualcuno
di qualcuna
che domani pensi a noi nella battaglia
e avremmo bisogno di un po’ di aria pulita
di penombra
un po’ di vino bianco fresco
avremmo bisogno di un po’ di carezze
magari di fare un po’ all’amore
avremmo bisogno
che qualcuno abbassi l’aria condizionata
e avremmo senz’altro bisogno di un po’ di silenzio
un po’ di buona poesia
e un po’ di buona musica
di lenzuola pulite
e un nuovo cuscino
e avremmo bisogno
che lei la smettesse di guardare
di nascosto in continuazione
quel cazzo di telefono
mentre siamo a pranzo assieme.
Di cos’altro, doc?
Un po’ di gentilezza, certo
un paio di pantaloni nuovi
– non trovi che in giro
ci sia un’incredibile mancanza di eleganza? –
e che venga presto settembre

(Guido Catalano)

13 marzo 2010

senzaoptionalviveva..

..
sapevi che non ho più occhi?.. no.. certo che no.. nemmeno io lo sapevo.. come avresti potuto saperlo tu?.. ma l’ovvio è ovvio per chi ha occhi, mica per chi non ne ha più.. ero convinta di averne uno di scorta.. ho sempre creduto alle favole e per la strada cantastorie ne ho incontrati.. uno mi disse che potevo star tranquilla.. forse era vero.. forse no.. ma quel che importa è che ho forato pure l’occhio di scorta.. mi sono annegati tutti tra le pieghe del volto.. stamattina allo specchio non mi son vista più.. è stato bello.. una specie di liberazione.. ho potuto così smettere di preoccuparmi di un sacco di sciocchezze.. e gettare nell’immondizia tutte le lenti d’ingrandimento.. ho anche constatato che la pelle ha occhi e orecchie e che senza nemmeno concentrarmi troppo posso vivere in continua osmosi.. con che non saprei.. l’ambiente, credo.. il mondo.. se proprio vogliamo esagerare l’universo.. ecco.. l’ho detto.. e mi scappa da ridere da sola.. siccome non ho più nemmeno bocca non so bene come fare.. sono come il trottolin che trottolava della filastrocca.. senza gambe camminava senza sedia si sedeva.. poverin come faceva?.. mi sono sempre domandata il perché di quel ‘poverin’.. per me uno così è già ricco.. prima di tutto trottolino è un signor nome.. secondo poi trottolare mi sa di divertente.. terzo la sua costanza mi fa sorridere.. quarto per pura coincidenza oggi ho proprio voglia di sorridere.. penso a quando potrò farlo anche senza denti.. sarà il caso che ricordi di ricordarmi che sono fortunata..

2 commenti:

  1. un pò come la menade danzante di skopas..
    non so perchè ma l'idea della mancanza di arti,ma la presanza della voglia di vivere e star bene..mi riconduce a lei..
    troppo patos..

    ne avrei bisogno anche io..

    un bacione

    RispondiElimina
  2. sorrido.. aspetta una ventina d'anni.. gli attacchi di pathos arrivano anche senza chiamarli, fidati.. :) un bacio a te.. m.

    RispondiElimina