.

.

.

02.09.15

Ti voglio bene si dice al cane

D’altronde a quei tempi
A quei tempi bastava davvero poco a dirsi “addio”
A darsi un ciao d’addio eravam buoni tutti
Era l’ordinaria amministrazione
Erano tempi di cuori ghiacci
Eran tempi che si era imparato a ballare da soli
Eran tempi che un “è stato bello” non lo si negava a nessuno
Eran tempi che non pioveva più da sempre
Tempi di siccità feroce
Di occhi secchi
Neanche piangere qualche lacrima eravam più capaci

E le poesie d’amore costruite in serie come utilitarie
C’eran più poesie d’amore che innamorati
C’eran più poeti che soldati

E d’altronde la natura faceva il suo corso
Ragno mangia ragno
Labbro bacia labbro
Mano carezza viso
Pugno spezza naso
Nebbia in Val Padana
Occhio non vede cuore non duole
Cuore non batte ciao è stato bello
Ciao è stato bello salutami a casa

D’altronde avevamo perso il sonno
La rotta
La voglia
La fame
E “ti voglio bene”
- ho poi scoperto -
Ti voglio bene, si dice al cane.

(Catalano)

https://youtu.be/jsCCnpcGEWI

25 marzo 2010

twist..

..
e durante il giorno più e più volte al qui faccio ritorno.. che è poi sempre un po’ più in là.. il qui, dico.. rilassata tensione.. non ce l’aveva mica solo foucault il pendolo.. nel mio piccolo ho anch’io dei signori moti..
(guarda come dondolo)..

4 commenti:

  1. è un signor dondolare, non c'è che dire... però ogni tanto ti sfugge un'inversione a U... (anche se, secondo me, Jean Bernard Léon mica s'offende più di tanto... mi sa che oramai sarà parecchio rilassato)
    ˜
    [f]

    RispondiElimina
  2. eheh.. beato lui.. per esser sicura che lo rimanga gliela resituisco 'sta lettera.. (graziegrazie)..

    RispondiElimina
  3. sei sempre ipnotica, nel tuo pendolare, altro che focault , sorriso con rinforzo :)

    RispondiElimina