.

.

.

02.09.15

Ti voglio bene si dice al cane

D’altronde a quei tempi
A quei tempi bastava davvero poco a dirsi “addio”
A darsi un ciao d’addio eravam buoni tutti
Era l’ordinaria amministrazione
Erano tempi di cuori ghiacci
Eran tempi che si era imparato a ballare da soli
Eran tempi che un “è stato bello” non lo si negava a nessuno
Eran tempi che non pioveva più da sempre
Tempi di siccità feroce
Di occhi secchi
Neanche piangere qualche lacrima eravam più capaci

E le poesie d’amore costruite in serie come utilitarie
C’eran più poesie d’amore che innamorati
C’eran più poeti che soldati

E d’altronde la natura faceva il suo corso
Ragno mangia ragno
Labbro bacia labbro
Mano carezza viso
Pugno spezza naso
Nebbia in Val Padana
Occhio non vede cuore non duole
Cuore non batte ciao è stato bello
Ciao è stato bello salutami a casa

D’altronde avevamo perso il sonno
La rotta
La voglia
La fame
E “ti voglio bene”
- ho poi scoperto -
Ti voglio bene, si dice al cane.

(Catalano)

https://youtu.be/jsCCnpcGEWI

22 aprile 2010

foto: ... by life-number-9
..
come se la meraviglia trovasse nei miei occhi soglia, i miei occhi alla soglia della meraviglia torno ad affacciare.. e nulla è falso e nulla è vero.. e tutto è.. magari mica come dovrebbe essere.. non come potrebbe sapendo ad arte qualche se anteporre a un verbo pur non essendo da solo in grado quello in condizionale di trasformare.. non è che me ne lavi le mani.. adesso hanno pure inventato l’amuchina gel.. così l’acqua può tornare a essere agglomerato di molecole.. come io me.. e i miei occhi solo occhi.. pure un pochetto socchiusi, invero più per un sospetto principio di cedimento dei tessuti che in vista d’un primaveril riverbero.. e anche uno spiraglio è solo uno spiraglio.. ma basta.. non come dire stop.. ma forse nemmeno sufficienza.. ché il senso è siffatto da parer di pongo posseder la consistenza.. e io talmente previdente da aver fatto scorta di formine..

2 commenti: