.

.

.

02.09.15

Ti voglio bene si dice al cane

D’altronde a quei tempi
A quei tempi bastava davvero poco a dirsi “addio”
A darsi un ciao d’addio eravam buoni tutti
Era l’ordinaria amministrazione
Erano tempi di cuori ghiacci
Eran tempi che si era imparato a ballare da soli
Eran tempi che un “è stato bello” non lo si negava a nessuno
Eran tempi che non pioveva più da sempre
Tempi di siccità feroce
Di occhi secchi
Neanche piangere qualche lacrima eravam più capaci

E le poesie d’amore costruite in serie come utilitarie
C’eran più poesie d’amore che innamorati
C’eran più poeti che soldati

E d’altronde la natura faceva il suo corso
Ragno mangia ragno
Labbro bacia labbro
Mano carezza viso
Pugno spezza naso
Nebbia in Val Padana
Occhio non vede cuore non duole
Cuore non batte ciao è stato bello
Ciao è stato bello salutami a casa

D’altronde avevamo perso il sonno
La rotta
La voglia
La fame
E “ti voglio bene”
- ho poi scoperto -
Ti voglio bene, si dice al cane.

(Catalano)

https://youtu.be/jsCCnpcGEWI

30 aprile 2010

d'ordinari mezzogiorni trasformati in une..

.. una passata di vernice antimuffa e il cuore sembra quasinuovo.. non ci credevo manchesì.. e poi aria in disassemblamento da molecole sparse a farsi un pezzetto di strada insieme (separate).. quasi pellegrinaggio verso i polmoni, solo due, ricettacolioasi d’un ossigeno finalmente tutto mio.. quello lo tengo.. il resto lo chiudo fuori.. non si fa, lo so.. è maleducato.. mi beo di cotanta innocente disobbedienza.. guardo più in là.. una striscia di bianco disegnata da qualcuno sembra dire ‘o prima o dopo un veicolo conterrò (tiè)’.. ha un perimetro che è solo uno e quasi quasi mi verrebbe da calcolarlo.. lascio perdere, invece.. però le faccio capire che sono dalla sua parte.. ho deciso.. lunedì parcheggio lì..

Nessun commento:

Posta un commento