.

.

.

02.09.15

"donde no puedas amar, no te demores"

(kahlo)

24 maggio 2010

..
di definizione (bisogno).. cavoli, come sarà?.. come sarà che l’intimanecessità è sempre imputata (parente prossimissima del maggiordomo, ha deciso di seguir le orme di famiglia).. ma.. io non lo so.. davvero.. fatico proprio a capirli, gli iter.. moti che se ne fregano e fuggono.. ogni tanto s’impigliano in qualcosa.. specie di filo spinato, la ragione.. e dell’eventuale dueeventi che ogni tanto la doppia mandata richiede si fanno belli di messe in piega solo apparentemente acuminate..
se adesso andassi a dormire un nuovo silenzio, e diverso, incontrerei.. che senza doversi atteggiare sarebbe e che effettivamente è, poi.. nonostante me.. il mio ricominciare.. il mio cadere.. il mio stordirmi.. il mio continuo portarmela in giro, questa testa che gira.. e confonde parole, significati, interpretazioni.. e non si sazia ancor d’attesa.. dire che è comoda, sì, altroché, l’inerzia.. il pensiero che non rimbalza, palla sgonfia che la camerad’aria ha consumata..
e ora come ora non ho nemmeno in tasca il ma che ci vorrebbe a tirar la lampo del discorso..
e lo so che non sono arrivata da nessuna parte ma devo proprio fermarmi..
m’è finita la corrente senza uno straccio di preavviso..
d’altra parte l’eolica non è mica un’opinione..

10 commenti:

  1. dicon gli anziani che la cera aiuti lo scorrer delle lampo.. se così non fosse, almeno ed in assenza di corrente, con quella rischiareremo il nostro silenzio.

    RispondiElimina
  2. .. rido.. mi fa venire in mente un esperimento che feci da piccola.. fusi un sacco di candele per poterne costruire di forme diverse.. un mini disastro.. a parte che una volta rimosso dimenticai di rimettercelo, il filo per appicciare (ma queste son quisquilie).. sorriso :)

    RispondiElimina
  3. ora comprendo quei bernoccoli di antica data.

    RispondiElimina
  4. .. in effetti la punizione che ne seguì, a base di ginocchia e ceci (ricetta vincente non si cambia) mi portò a incontrare diverse volte il muro col capino infante (l'idea non era tanto quella di un meaculpa quanto piuttosto d'uno[o+] riposini durante la sessione di castigo.. devo aver calcolato male certe distanze, c'est tout).. :)

    RispondiElimina
  5. se comprendessi la dinamica del caos potrei utilizzarla per giustificare la tutto sommata uniformità del tuo capino ma neppure quella potrebbe spiegare perchè una simil "terapia" arrechi tanto benessere al suo contenuto.

    RispondiElimina
  6. .. sembrerebbe un complimento.. mi scappa la riverenza :)

    RispondiElimina
  7. riverisci.
    (nella foto: sei poco..poco pukkesca!)

    RispondiElimina
  8. .. non mi è ben chiaro a quale foto tu ti riferisca.. essendo che ultimamente ho trovato un giochino in rete che permette di confrontare la propria con più ricercate nonché famose morfologìe, ne sto rispolverando di vecchie.. avrò pace (meibi) solo quando l'applicazione mi dirà che sovrapponendomi alla bellucci giusto pochissimi intimi noterebbero la differenza (mmm.. mi chiedo.. basterebbe evitar kassel?).. nel caso tu parli di questa nuova fotina blogspottiana, direi che se fosse meno piccolina probabilmente si noterebbe lo sguardo innamorato per quel pezzodigaru che la scattò.. o forse pukke si diventa.. chilosa? :))

    RispondiElimina
  9. ho concluso la mia fase bellucciana.
    sono nella fase solarinizzata.
    se proprio dovessi sovrapporti morfologicamente a qualcuno ..

    comunque anche pukka ha i suoi bei perchè.

    RispondiElimina
  10. .. sorrido.. le fasi sono insite nell'essere, si vede :).. sìsì.. mi son già stancata di far collages :))

    RispondiElimina