.

.

.

02.09.15

Ti voglio bene si dice al cane

D’altronde a quei tempi
A quei tempi bastava davvero poco a dirsi “addio”
A darsi un ciao d’addio eravam buoni tutti
Era l’ordinaria amministrazione
Erano tempi di cuori ghiacci
Eran tempi che si era imparato a ballare da soli
Eran tempi che un “è stato bello” non lo si negava a nessuno
Eran tempi che non pioveva più da sempre
Tempi di siccità feroce
Di occhi secchi
Neanche piangere qualche lacrima eravam più capaci

E le poesie d’amore costruite in serie come utilitarie
C’eran più poesie d’amore che innamorati
C’eran più poeti che soldati

E d’altronde la natura faceva il suo corso
Ragno mangia ragno
Labbro bacia labbro
Mano carezza viso
Pugno spezza naso
Nebbia in Val Padana
Occhio non vede cuore non duole
Cuore non batte ciao è stato bello
Ciao è stato bello salutami a casa

D’altronde avevamo perso il sonno
La rotta
La voglia
La fame
E “ti voglio bene”
- ho poi scoperto -
Ti voglio bene, si dice al cane.

(Catalano)

https://youtu.be/jsCCnpcGEWI

10 maggio 2010


- è una voliera
- una voliera?
- sì
- e a cosa serve?
Hervè Joncour teneva fissi gli occhi su quei disegni
– tu la riempi di uccelli, più che puoi, poi un giorno che ti succede qualcosa di felice la spalanchi, e li guardi volare via.

A. Baricco
Seta

5 commenti:

  1. vabbeh, stavolta devo ammettere che mi è piaciuta la frase

    RispondiElimina
  2. .. tutto il libro è molto bello, a dir la verità.. l'ho riletto recentemente, a distanza di anni e obiettivamente devo dire che se non fossi già stata una fan lo sarei diventata.. ci sono cose.. boh?.. forse periodi.. capaci di arrivare.. ma oltre l'effetto, dico.. è d'una lentezza straordinaria, questo libro.. una di quelle storie che se non fossero così talmente sé stesse nella loro ripetitività uno sarebbe portato a dire 'eccheppalleperò'.. e invece ha un nonsoché.. tipo capitoli che si distinguono per un nulla.. una virgola che prima mancava, un respiro che era stato trattenuto, uno sguardo sul diverso, un sorriso che affiora sul volto di chi è solito sorrider solo dentro.. una fine del mondo che alla fin fine smette d'essere invisibile.. è quel nulla lì che è meraviglia.. e tu vorresti che non finisse mai.. come il ritornello d'ogni canzone che non sia cantata in playback.. come.. eheh.. perchéno?.. anche come ritrovar qui la mascella volitiva d'un gary la cui cupezza non è che distillato d'umanità.. :)

    RispondiElimina
  3. sefossihervè, ogni giorno, avrei una voliera da riempire, una voliera da spalancare...
    sefossivento, ogni giorno avrei uccelli da guardar volare via...
    sefossime avrei sorrisi da inchinare a te...
    come, ogni giorno, ho...
    ˜
    [f]

    RispondiElimina
  4. mistral così mi commuovo, lo sai che sono gigante sì ma dai piedi d'argilla

    RispondiElimina
  5. f: sefossimigliore saprei riempire, guardar volare, veder sorridere.. sonome.. so solo mettere in fila tanti nonso..
    grazie :)

    r: la commozione ti dona un tot.. :)

    RispondiElimina