.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

7 giugno 2010

..
decompressione mancata e alfanumeri a vagarsi svagati sinapsi senza traguardo.. razza d’un flipper difettante in montepremi.. non giochi che valgano candele.. solo tempo da veder passare senza guardarlo.. (io se ne avessi di più camminerei adagio adagio verso una fontana.. [vuoi vedere che ce l’ho?])..

Nessun commento:

Posta un commento