.

.

.

02.09.15

"donde no puedas amar, no te demores"

(kahlo)

20 giugno 2010

..
tutto si può nulla si deve..
tranne qualcosa, ovvio..
ho una lente similconvessa al posto dello sguardo.. perduta nel particolare, di quello quasi mai riesco a indovinare l’insieme..
a parte il resto mi piace questo giorno.. lavato di pioggia.. steso oltre la finestra..
fosse ottobre lo si direbbe bello.. ma è giugno e così è come una sorta di bastone tra le ruote dei progetti di qualcuno.. credo..
un po’ di vuoto nella testa.. mi mancano certi cigolii che spesso avvertivo ultimamente.. ho una gabbia senza sbarre e mani che inutilmente in quegli spazi vuoti tra il vuoto degli spazi cercano appiglio.. un principio di mal di schiena e un avanzato stato di non voglia di scherzare.. insieme alla colonna vertebrale mi dolgono certe voci che non stanno parlando.. e io con loro e io è a loro che lo dico..
che non ascolto mai le previsioni del tempo se non quando mi capitano tra chiocciola e timpano (o quel che è).. che non lo faccio perché trovo uno spunto bello e puro nel sorprendermi..
che mi piace per esempio quando ottobre ti fa cucù dalla seconda metà di giugno.. e ti porta in dono un giorno lavato di pioggia..
un giorno steso oltre la finestra..

10 commenti:

  1. disteso sotte le ruote.
    ad ognuno il suo.

    (acquaplaning per similconvessi ... lenti)

    RispondiElimina
  2. .. ciao alealeale :).. tu parli complesso e io oggi sono molto lineare.. so solo che in mezzo tra il qui e il lì c'è un dubbio grande come uno o più degli alberghi del monopoli.. in sintesi ho come la netta sensazione di aver giocato troppo a mescolare colori.. e di tutto questo rosa-risultato azzurro-minimo rosso-sforzo bludiprussia-massimo annego in un viola-inutilestanchezza.. la cosa bella c'è, a volerla vedere.. e io modestamente lo volli.. bello è il glugluglu.. onomatopea di bollicine (fzzzzzzzzzzzzzzzzzz).. e poi cosa ho detto non lo so.. quel che so è che: che tu sia convesso o concavo, lento o rapido, mammifero o anfibio poco poco che ti scorgano sai che fanno? titiranolepietre.. (però colorate, dai :)..

    RispondiElimina
  3. quelle di fiume, levigate .. fanno meno male.

    (i colori troppo mescolati tendono ad un tetro grigio, gli strati vanno lasciati asciugare.)

    RispondiElimina
  4. .. ma daiiiii..
    pensa che quella è stata la lezione che m'ha visto abbandonare il corso di pittura.. nonostante le apparenze ho molta poca pazienza (non regalavo mai abbastanza tempo al tempo per l'asciugatura e così, oltre a ottenere improbabili nuances [che se vogliamo ci starebbero anche.. cioè chi l'ha detto che il grigio è grigio?.. ecco questo potrebbe essere un ottimo argomento di discussione per la serie 'd'opinioni e d'altre amenità nonché daltonismi senza lucky luke'], il problema vero stava sulla base-foglio.. luiesso rispondeva a cotanto ardorespressivo da 'non vedo l'ora di vederti dipinto' con un accartocciamento non privo - ennesima opinabilità di quel sembrerebbe che spesso abita ogni mio sullapuntadellalingua- d'un cincinin almeno di pudicizia)..

    (coi sassi di fiume costruivamo pupazzetti, da piccoli, lassù sulle montagne.. saltavano fuori faccette con pelli lisce ma lisceeee.. quelli della 'Dove' se li scordano risultati così :)

    RispondiElimina
  5. ti si sono accese le guance, piccola heidi.

    (il grigio è grigio tanto quanto si lascia ingrigire dal grigiore circostante; la tua aurea com'era allora, impaziente allieva?)

    RispondiElimina
  6. .. sorrido.. sospetto d'essere rosa-fenicottero-impantanato-catrame.. da quando sono nata.. con sprazzi rosso-milva, a ben pensarci.. ma solo quando mi arrabbio e l'ugola faccio vibrare :)

    RispondiElimina
  7. ricordami di non stuzzicarti.

    RispondiElimina
  8. .. non sono mica sicura che tutti sappiano la differenza tra lo stuzzicarmi e il non..

    RispondiElimina
  9. il rosso-milva è più di quanto presupponga di poter sopportare.
    per il resto potrei anche correre il rischio, potrebbe anche essere piacevole conoscerti aggressivamente vitale.

    RispondiElimina
  10. .. ho perso la capacità e la voglia di alterarmi e questo riguarda quasi tutti gli aspetti di quella che ad oggi chiamo vita.. per il resto, vitalità e milve a parte, ti posso assicurare che erano spettacoli inaffrontabili (almeno senza tuta con tanto di SUPERESSE in rilievo sul largo petto) :)

    RispondiElimina