.

.

.

02.09.15

"donde no puedas amar, no te demores"

(kahlo)

30 giugno 2010

..
le date devono essere un trucco.. qualcosa che la mente escogita per comunicare con ogni mio ‘donotdisturb’.. ci sono date che mando a memoria senza nemmeno sapere come.. numeretti che scantonano dalle dita in certi cucù di sovrappensiero.. di solito parlo e sotto ho un planner.. per segnare le robe importanti.. una sigla che mi servirà.. un’informazione utilissima su chi fa cosa e se la fa ancora oppure no e se non la fa più com’è che non la fa.. cioè.. è fallito?.. è stato assorbito?.. ha deciso di darsi alla macchia per inventare un modo di impedire a chi lo fa di contenerla?.. sono cose basilari, mi dice qualcuno.. prima di tutto sapere.. del tale, del tal’altro, dell’uno, del trino e pure del quaterno che, poveretto, da sempre ha questo complesso d’inferiorità da cinquinononchélibercolomancato.. parto carica.. tipo molla raccolta.. poi vedo la penna che a un certo punto inizia a vagare da sola producendosi in.. ah, non lo so mica in cosa.. penso siano fiori.. lo penso sempre dopo, però.. al momento del tutu.. non quello di tulle.. quello di linea.. come un tram.. allora non è che io sappia bene il motivo per cui uno scarabocchio debba sembrarmi un fiore.. direi che l’ipotesi più accreditata sia che in mezzo resta un punto focale molto più scuro del proprio confuso contorno.. da lì si dipartono e lì sempre tornano.. linee.. ma flessibili di curve che però non riescono mai a essere ellissi perfette.. oddio.. a loro mica importa.. non è che son le tipe da far confronti.. allora faccio una cosa stupidissima.. regalo loro un’identità di stelo.. un codice fiscale di foglie.. un passaporto di prato..
di solito in mezzo a quel casino che ho deciso essere fiore spuntano certe date.. le date si riconoscono.. hanno schemi ricorrenti.. un dueduequattro che le fa pensare anche in nozionistico possesso di matematica consapevolezza..
devono essere un trucco..
ho una mente che si crede il mago silvan.. e una coscienza spettatrice cui piace farsi incantare.. da lineenonlinee.. da date.. da fiori..
una stupida mente amante di quei tutu che affacciano tulle alla porta dell’immaginazione.. e che libertà piace sognare attecchita.. tanto.. ma così tanto da riuscire a esser libera pur avendo radici.. (perché le ha)..

10 commenti:

  1. si nasce "figli dei fiori".
    (senza saperlo)

    RispondiElimina
  2. .. nascerlo sarebbe viverlo.. mica scriverne.. mi fido molto poco delle parole ultimamente.. soprattutto delle mie.. infatti le dimentico subito.. e la testa si riempie di quel bel vuoto effetto-girotondo-solitario.. chissà se l'hai fatto mai, tu, da piccolo.. di piroettarti sul piedino fulcro credendo di poterti trasformare nel capitano kirk.. :)

    RispondiElimina
  3. ieri l'ultima volta, su una giostra:
    sfruttavo l'effetto giroscopico indotto dal desiderio-azione delle mie braccia e mi alzavo lievitando.
    ho raggiunto una curvatura 3 (che con i bicipiti che mi ritrovo è gia un gran bel risultato)

    RispondiElimina
  4. .. immagine molto bella.. mi sa che io le giostre e i girotondi non andiamo d'accordo.. fosse per me si potrebbe anche fare pace.. ma ho uno stomaco davvero poco conciliante in proposito.. :)

    RispondiElimina
  5. almeno una battaglia con i cannoni ad acqua puoi permettertela (senza buscarti una polmonite)?
    ;-)
    (c'era anche un brucomela con i girasole - finti - ed il limitatore di velocità per le mln)

    RispondiElimina
  6. .. eheh.. guarda che io ai miei tempi ho fatto pure il barcone dei pirati (ooooooooh) mica storie.. se fai prima quello e poi le montagne russe queste ultime ti sembrano una passeggiata.. questione di percezioni distorte dalla memoria recente, immagino..

    RispondiElimina
  7. seee, io ho fatto pure la caduta libera (vuoi mettere la velocità del barcone e quella di una astronave?! il barcone aveva due o tre file di vogatori?)

    RispondiElimina
  8. .. a eurodisney però m'ero fatta camminare addosso da un sacco di ragnetti (dopo l'astronave).. scommetto che a quello tu hai rifiutato di sottoporti.. due file di vogatori in quel barcone che fu molti anni prima degli occhiali 3d.. ma io mi misi il più lontano possibile dal centro così da poter sentire più sfarfallìo dalle parti in cui l'anima sembra dileguarsi, sempre che ci sia :)

    RispondiElimina
  9. lo sfarfallio o .. l'anima?
    :-)

    RispondiElimina
  10. .. eheh.. entrambi, direi.. era un singolare-plebeo.. che siano dubbi o no, ai re il x due o più.. ai poveretti tocca il diviso.. :)

    RispondiElimina