.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

17 agosto 2010

..
mi s’assesta il divenire.. mi si srotola, quasi.. filo impigliato in qualche gancio.. sinistro da manuale.. resta lì, poi, freddo e solo sole, nuda e a scomparsa, l’anima che ho senza possederla.. le mani invece aggrappano angoli di tutto.. sostanza molecolare.. aggregato di materia.. legno che scheggia e crepa rende vivo.. roba che il pensiero si dispone a credere in potenza sopravvivibile a qualsiasi ‘me’.. la assaggio con le mie dita finite di contorni.. e sento che forse avrebbe gusto amaro pure l’eternità..

2 commenti:

  1. Dopo millenni...ho visto il link...P.

    RispondiElimina
  2. era piccolino.. un linkino ;)

    RispondiElimina