.

.

.

02.09.15

Ti voglio bene si dice al cane

D’altronde a quei tempi
A quei tempi bastava davvero poco a dirsi “addio”
A darsi un ciao d’addio eravam buoni tutti
Era l’ordinaria amministrazione
Erano tempi di cuori ghiacci
Eran tempi che si era imparato a ballare da soli
Eran tempi che un “è stato bello” non lo si negava a nessuno
Eran tempi che non pioveva più da sempre
Tempi di siccità feroce
Di occhi secchi
Neanche piangere qualche lacrima eravam più capaci

E le poesie d’amore costruite in serie come utilitarie
C’eran più poesie d’amore che innamorati
C’eran più poeti che soldati

E d’altronde la natura faceva il suo corso
Ragno mangia ragno
Labbro bacia labbro
Mano carezza viso
Pugno spezza naso
Nebbia in Val Padana
Occhio non vede cuore non duole
Cuore non batte ciao è stato bello
Ciao è stato bello salutami a casa

D’altronde avevamo perso il sonno
La rotta
La voglia
La fame
E “ti voglio bene”
- ho poi scoperto -
Ti voglio bene, si dice al cane.

(Catalano)

https://youtu.be/jsCCnpcGEWI

26 agosto 2010

..
certe cose vorrei che mi piacessero.. perché mi converrebbe.. nel senso che c’hanno la faccia che promette soddisfazione.. come quella pretesa da chi sbatteva un’offesa di bianco guantata in petto a un mariuolo.. ho sempre desiderato usare questa parola almeno una volta in vita mia.. ecco.. questo mi piace.. poter dire ho sempre desiderato fare xyz mentre sto facendo xyz.. non accade spesso perché non ho mai desiderato molte cose.. comunque questa non vale.. come cosa che sarebbe augurabile farsi piacere, dico.. sì perché questa è una cosa che mi piace e basta.. e tra tutte forse l’unica della quale non mi sento in dovere di chiedere scusa.. a chi poi.. al mondo in generale.. il mondo in generale lo vedo come un prete assetato di mea culpa.. e accorgendomi di essere io, non lui, a trovarmi in un deserto mi sento in dovere di chiedere scusa a me.. e di non assolvermi anche solo perché il mea culpa va recitato in latino.. e io il latino non lo so.. non lo voglio neanche imparare.. non mi piace.. anche se forse mi converrebbe che mi piacesse.. ché se la studi controvoglia, una cosa, finisce che in due e due quattro te la scordi.. e sei daccapo.. ecco.. essere daccapo mi piace.. forse dopotutto un’infarinata di latino.. magari posso mettermi lì e allenarmi a mandare a memoria solo il mea culpa.. e a recitarlo ogni volta daccapo per tanti daccapo quanti mi piacerà.. mi sento già molto meglio.. e se non mi basta meaculpa..

7 commenti:

  1. ma sentirsi senza colpe, è ancor più divertente

    :-D

    RispondiElimina
  2. Certe cose me le sono dovute far piacere per forza.
    Ribellione!!!

    RispondiElimina
  3. eheheh.. hasta la rebelion (siempre) :)

    RispondiElimina
  4. scusa ma se stai gia facendo xyz che gusto c'è a desiderarlo?! meglio un bel zxy o vuoi mettere un compromettente zyx ..

    (il solito scemo)

    RispondiElimina
  5. .. ihihih.. zyx era talmente compromettente che non m'era nemmeno passato per la mente :)

    RispondiElimina