.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

13 ottobre 2010

flows..

..
sempre ad attendere qualcosa.. di mai indefinito.. troppo non indefinito per poter accadere.. per poterselo confessare.. finisce che non arriva.. così c’è quel piccolo percome soddisfatto di poterlo aspettare ancora e forse per sommissimi capi riconducibile al fantastico trucco delle scarpe di un numero in meno che nel toglierle ti senti una specie di libertà in fugacissimascesa dalle piante alle punte..
intanto un sole di ieri che sfora nel perimetro dell’uggia d’oggi ti fa sentire che casa è tale solo se sei capace di non pensarla qual sostantivo.. sono i verbi a somigliarci..
persino i sassi sasseggiano.. (certo, a saperli guardare)..

foto originale: The trip of a sun-spot by ~alex-malex

2 commenti:

  1. anche se non sei brutto(a).

    RispondiElimina
  2. .. sìììììììììì.. è lì il bello!!ehm.. il brutto!!ehm.. il tutt'è due.. il sasseggiare è più della somma tra sasso e l'esser sasso.. in mezzo c'è energia.. :))

    RispondiElimina