.

.

.

02.09.15

Ti voglio bene si dice al cane

D’altronde a quei tempi
A quei tempi bastava davvero poco a dirsi “addio”
A darsi un ciao d’addio eravam buoni tutti
Era l’ordinaria amministrazione
Erano tempi di cuori ghiacci
Eran tempi che si era imparato a ballare da soli
Eran tempi che un “è stato bello” non lo si negava a nessuno
Eran tempi che non pioveva più da sempre
Tempi di siccità feroce
Di occhi secchi
Neanche piangere qualche lacrima eravam più capaci

E le poesie d’amore costruite in serie come utilitarie
C’eran più poesie d’amore che innamorati
C’eran più poeti che soldati

E d’altronde la natura faceva il suo corso
Ragno mangia ragno
Labbro bacia labbro
Mano carezza viso
Pugno spezza naso
Nebbia in Val Padana
Occhio non vede cuore non duole
Cuore non batte ciao è stato bello
Ciao è stato bello salutami a casa

D’altronde avevamo perso il sonno
La rotta
La voglia
La fame
E “ti voglio bene”
- ho poi scoperto -
Ti voglio bene, si dice al cane.

(Catalano)

https://youtu.be/jsCCnpcGEWI

15 aprile 2011

asse(nza)..

..
che non era nulla nulla nulla.. ch’era tutto tutto tutto.. che mancava sempre una quarta opzione, o sottolineatura.. ripetizion di sillabe, due, recante nel sé il perfetto a renderle a un qualch’infinito soggiogate.. così somiglianti, dato che mancate differenze regalano all’ego illusion d’esistere, a me.. mememe.. nel tre carenza d’ogni fine.. capocoda d’insolubilità ricolmo.. reinventare un inizio che sia uguale sembra talmente facile ed esaustivo che qualsiasi come diventa.. pleonasticome..

2 commenti:

  1. Se questo post non vi fosse stato, avrebbero dovuto inventarlo.
    Sono commosso.

    RispondiElimina
  2. .. intanto non sono tanto sicura di due cose: d'averlo scritto io, che significhi davvero qualcosa.. siccome mi sfugge la terza (che pure c'è) facile si tratti d'un minestrone di lettosentitoemaldigerito.. preda del burp ma non abbstanza da non sorriderti.. confusa :)

    RispondiElimina