.

.

.

02.09.15

"donde no puedas amar, no te demores"

(kahlo)

27 maggio 2011

minevaganti..

..
beh sì.. non è che doveva proprio accadermi per forza.. questa storia della serenità, cioè.. il sapore amaredulcorato di quella che chi la routine l’annoia chiama noia.. l’intermittenza di un qualunque nessunanuovabuonanuova.. però sarebbe stato gradito, ecco.. tipo per esempio un buongiornoebuonasera da chi magari non so nemmeno chi sia.. anche se poi putacaso li dovessi vedere lungo la strada che s’affaticano con le sporte della spesa arrampicate alle mani e quarantacelsius all’ombra per mettermi a posto la coscienza sul mancato strappo sarei portata ad addurre i soliti sospetti ‘non ho fatto in tempo a fermarmi ormai non è possibile l’inversione a u’ per tacere del lombrosiano ‘è una vecchietta ma somigliava tutta alla mamma di psycho’.. macchénnesò perché ho così paura della giustizia.. forse perché ho imparato che mica ci vede granché.. e così maschero i miei stati di possibile colpa con un’aria da gnorrichefischietta..
(non che funzioni sempre)..

Nessun commento:

Posta un commento