.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

16 maggio 2011

soloindigenillusi..

..
erano mie, le rughe sulla tua fronte, quel giorno là.. erano mie che le percorrevo senza poggiarvi passi né pupille.. erano mie che le srotolavo saggiandone nodi e scendendone valli.. erano mie che tanto intenta a non lasciarmene catturare, a mapparle mai m’avventurai..

Nessun commento:

Posta un commento