.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

5 giugno 2011

versi..

'In fondo alla miniera più segreta
all' interno del frutto più distante
nel vibrare della nota più discreta
nella conchiglia più ritorta e risonante
nello strato più denso di pittura
nella vena che nel corpo più ci sonda
nella parola che dica più dolcezza
nella radice che più scende più nasconde
nel silenzio più fondo della pausa
in cui la vita si è fatta eternità
cerco la tua mano decifro la causa
di non credere e volere infine intimità'

js

Nessun commento:

Posta un commento