.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

5 luglio 2011

celestinirosapallididelmartedì..

..
specie di screziatura nel cielo di quasi notte, lontano il tono dall’aderire all’ocra che mi sarei aspettata.. la volta ha avuto maggiore fantasia, anche stavolta..

Nessun commento:

Posta un commento