.

.

.

02.09.15

Ti voglio bene si dice al cane

D’altronde a quei tempi
A quei tempi bastava davvero poco a dirsi “addio”
A darsi un ciao d’addio eravam buoni tutti
Era l’ordinaria amministrazione
Erano tempi di cuori ghiacci
Eran tempi che si era imparato a ballare da soli
Eran tempi che un “è stato bello” non lo si negava a nessuno
Eran tempi che non pioveva più da sempre
Tempi di siccità feroce
Di occhi secchi
Neanche piangere qualche lacrima eravam più capaci

E le poesie d’amore costruite in serie come utilitarie
C’eran più poesie d’amore che innamorati
C’eran più poeti che soldati

E d’altronde la natura faceva il suo corso
Ragno mangia ragno
Labbro bacia labbro
Mano carezza viso
Pugno spezza naso
Nebbia in Val Padana
Occhio non vede cuore non duole
Cuore non batte ciao è stato bello
Ciao è stato bello salutami a casa

D’altronde avevamo perso il sonno
La rotta
La voglia
La fame
E “ti voglio bene”
- ho poi scoperto -
Ti voglio bene, si dice al cane.

(Catalano)

https://youtu.be/jsCCnpcGEWI

30 luglio 2011

fraletonsillelatesta..

2 commenti:

  1. Anche fra le orecchie.
    Le tonsille me le hanno asportate.
    Tonsillectomizzato.

    RispondiElimina
  2. .. sorrido.. io invece la rifiutai.. la tonsillectomia.. a dieci anni dissi al dottore che non se ne parlava neanche.. m'ero fatta già una quaresima di antibiotici brucianti che mi facevano sentire il fondoschiena come se avessi giocato col pavimento a scoprire chi fosse più duro e sinceramente farmi asportare parti di me era l'ultima cosa che avrei accettato.. avevo già preparato il fagottino in caso avessero deciso di inviare plotoni di infermiere come accadeva per le iniezioni.. allora ero decisa a tenere insieme i pezzi e assolutamente impavida :)

    RispondiElimina