.

.

.

02.09.15

"donde no puedas amar, no te demores"

(kahlo)

25 luglio 2012

1049


.. stasera c’è questo rumore.. ricorda incontri clandestini di grafite e unghie, ma vagamente, che lo mitiga la mente smussandolo in rotondità riscattanti fiducie fondamentali e consuetudini a forma di culla e credute assopite nel sempiterno sonno del disincanto (anche un po’ cinismo, già).. e io lo seguo in su e in giù, lo scopro ritmo di coscienza che perde lessico man mano avanza.. il peccato è forse in quel vorrei saperlo dire.. il peccato del vorrei è la fortuna del non so.. (che un po' tutti accomuna)..

4 commenti:

  1. anche la fortuna dell' "avrei voluto ma .." sembra riscuotere un qualche successo.

    RispondiElimina
  2. il consumismo intacca anche i rimpianti.. non li fanno più come una volta.. (ops.. temo che il trovarsi troppo spesso a pronunciare questa frase sia il primo sintomo di senilità.. per tacere delle vampate.. sarei portata a credere trattarsi di menopausa precoce, ma forse è solo il condizionatore che si è rotto)

    RispondiElimina
  3. non è da te, farne uso!
    i tuoi ritmi sono .. naturali.

    RispondiElimina
  4. .. saltuariamente sono costretta.. per non imporli (i ritmi miei) ad altri.. ma oggi mi sono goduta un bel soffiare molto poco meccanico.. :)

    RispondiElimina