.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

20 ottobre 2014

.



.. di quanto questo rigoglio fasullo mi abbatta non so discorrere se non con stupore.. ch’è sintomo
d’idee limbiche, marginali.. la guarigione mi porta via supposizioni karmiche d’unità, condiscendenze quasi materne circa certi atteggiamenti brutti e punto evitabili che altri non si prendono cura d’evitare.. mi assale sorda una rabbia inconcludente.. e mi abbatte il rigoglio di questa falsa primavera.. in maniera da stupirmi, lo fa..

Nessun commento:

Posta un commento