.

.

.

02.09.15

"donde no puedas amar, no te demores"

(kahlo)

3 novembre 2014

.


.. è sì un velo scuro quello attraverso il quale sono spettatrice di questa vita che si regala alla vita, di questo inseguirsi di fotogrammi sul limitare del davanzale.. eppure divento un singulto di gioia e nostalgia raggrumata, densa, amalgamata al verde brillante di giornate sfacciate in quanto a bellezza.. tutto ciò che conta è lì e si attacca alla pelle, ai muscoli, al cuore che mi batte il respiro, alle viscere che smettono alfine di contorcersi nella sfinita resistenza che l’essere umano fa a sé stesso.. rimango desta, poi, e come paga dell’esistere quale protuberanza stessa di quel che accade.. mi manca il saperlo dire, non il saperlo respirare.. commuove, l’aria..

Nessun commento:

Posta un commento