.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

22 settembre 2016

viavia



.. fuggo in latenza dal dove è il qualunquequi senza per colonna sonora quell’atavico tumtum.. nessuno s’avvede della mia assenza.. mi piace.. l’invisibilità che concede l’essere essereumanomascheratodaessereumanoinvisibile..


Nessun commento:

Posta un commento