.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

22 luglio 2009

ma..

4 commenti:

  1. ho pena delle stelle
    che brillano da tanto tempo,
    da tanto tempo..
    ho pena delle stelle.

    non ci sarà una stanchezza
    delle cose,
    di tutte le cose,
    come delle gambe o di un braccio?

    una stanchezza di esistere,
    di essere,
    solo di essere,
    l'essere triste lume o un sorriso..

    non ci sarà dunque,
    per le cose che sono,
    non la morte, bensì
    un'altra specie di fine,
    o una grande ragione:
    qualcosa così, come un perdono?’
    ;-)
    Notte..

    RispondiElimina
  2. Bellissima questa di rino...ciao.

    RispondiElimina
  3. :).. sì.. molto bella.. molto saggia.. che a volte bellezza e saggezza si trovano nella semplicità d'un solo colore.. sempre più blu.. sopra tutti quei 'chi' che siamo noi.. ti sorrido.. mil

    RispondiElimina