.

.

.

02.09.15

Ti voglio bene si dice al cane

D’altronde a quei tempi
A quei tempi bastava davvero poco a dirsi “addio”
A darsi un ciao d’addio eravam buoni tutti
Era l’ordinaria amministrazione
Erano tempi di cuori ghiacci
Eran tempi che si era imparato a ballare da soli
Eran tempi che un “è stato bello” non lo si negava a nessuno
Eran tempi che non pioveva più da sempre
Tempi di siccità feroce
Di occhi secchi
Neanche piangere qualche lacrima eravam più capaci

E le poesie d’amore costruite in serie come utilitarie
C’eran più poesie d’amore che innamorati
C’eran più poeti che soldati

E d’altronde la natura faceva il suo corso
Ragno mangia ragno
Labbro bacia labbro
Mano carezza viso
Pugno spezza naso
Nebbia in Val Padana
Occhio non vede cuore non duole
Cuore non batte ciao è stato bello
Ciao è stato bello salutami a casa

D’altronde avevamo perso il sonno
La rotta
La voglia
La fame
E “ti voglio bene”
- ho poi scoperto -
Ti voglio bene, si dice al cane.

(Catalano)

https://youtu.be/jsCCnpcGEWI

28 luglio 2009

motivi..

..
e si fa vuota, la mente, di fronte a un perché..
quante possibili risposte a un solo, piccolo perché..
tante quante le stelle, o forse anche di più..
tante quante le notti e le albe e i pensieri che le hanno accompagnate..
tante quanti i respiri che abbiamo perso sulla strada del nostro intersecarci..
se anche le trovassi tutte..
se anche le dicessi tutte..
tutte non basterebbero a spiegare quel solo, piccolo perché..


(a volte il solo perché che conti è..
perché così è..)

8 commenti:

  1. d'impeccabile accento quel vuoto s'ammanta
    e d'albe e stelle e respiri riempie le strade e i sorrisi
    buona notte, milena

    RispondiElimina
  2. ti sorrido come so.. di silenzi e vuoti che vanno colmandosi.. di cosa non lo so.. e nemmeno il perché.. forse solo perché sì.. buona notte a te, fabio..

    RispondiElimina
  3. Anche il "perchè no!" è un bel perchè...spesso me lo dico...s&a ;)*****

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo e mi ritrovo nelle tue parole. Sosterrei solo il distacco da ogni teoria.

    RispondiElimina
  5. ad Anto : si favoleggia che 'no' sia la prima parola che impariamo a pronunciare.. la mia personale fu 'mamma'.. il 'no' arrivò solo più tardi, ma nemmeno poi tanto, visto che venne subito dopo 'mamma' e appena prima di 'papà'.. da allora ne ho detti proprio pochi, di 'no'.. ho sempre preferito la porta socchiusa d'un forse.. anche se.. il mio augurio per la tua buona giornata è certo, aldilà di qualunque sì, no, forse e perché.. s&a *****

    a Squilibrato : tutto ciò che sentiamo vero difficilmente si lascia imprigionare in una teoria.. noi ce lo infagottiamo e quello prende e se ne va.. si distacca da solo..

    RispondiElimina
  6. ho smesso di chiedermi perché, ieri, poi, ho dovuto far fronte ad un'autorivelazione che di perché non ne ha neppure uno. però sono felice :) baciotti

    RispondiElimina
  7. ops...scusa...era un "perchè no?"...doveva essere una domanda...un'ipotesi...un forse...alle volte son proprio fuori...leggendo le tua risposta non capivo...h riletto il mio commento e ho notato l'errore...Perchè no?s&a*****

    RispondiElimina
  8. a naimablu : le autorivelazioni ci arricchiscono.. l'amore non è mai sprecato.. i nonostante, quelli si sprecano sempre.. ma l'amore no.. se c'è va riconosciuto.. quel che provi è già tuo.. che sia ricambiato o no..

    ad Anto : scusa? ma figurati.. però.. ah.. ora sì.. vedi come un punto di domanda può cambiare tutto un senso?.. cavoli.. perché no?.. già.. perché?.. perché no?.. accidenti se mi piace il perché no?.. sorrisi.. e? lo sai.. proprio loro, sì : *****

    RispondiElimina