.

.

.

02.09.15

https://www.youtube.com/watch?v=kQha5einETw

Avrei bisogno di un po’ di riposo, dice il dottore.
Ne avrei bisogno in effetti, hai ragione doc
e anche tu
anche tu ne avresti.
E avremmo bisogno
di un po’ di gatti
qualche pillola colorata
un po’ di pace
una bici nuova
probabilmente baci
un bunker antiatomico
avremmo bisogno di qualcuno
di qualcuna
che domani pensi a noi nella battaglia
e avremmo bisogno di un po’ di aria pulita
di penombra
un po’ di vino bianco fresco
avremmo bisogno di un po’ di carezze
magari di fare un po’ all’amore
avremmo bisogno
che qualcuno abbassi l’aria condizionata
e avremmo senz’altro bisogno di un po’ di silenzio
un po’ di buona poesia
e un po’ di buona musica
di lenzuola pulite
e un nuovo cuscino
e avremmo bisogno
che lei la smettesse di guardare
di nascosto in continuazione
quel cazzo di telefono
mentre siamo a pranzo assieme.
Di cos’altro, doc?
Un po’ di gentilezza, certo
un paio di pantaloni nuovi
– non trovi che in giro
ci sia un’incredibile mancanza di eleganza? –
e che venga presto settembre

(Guido Catalano)

13 luglio 2009

più o meno?..

..
arrivo alle cinque di stasera e all’improvviso vengo colta da un (retorico) interrogativo : ‘ma non s’era detto di cambiar qualcosa, qui?'..
giusto ieri..
non amo molto i propositi.. e nemmeno le diete..
i primi si iniziano ipoteticamente il primo gennaio del qualunque anno che verrà.. le seconde ogni lunedì d’una qualsiasi settimana di detto anno..
ma quel che è detto è detto..
allora resta solo da scegliere il cambiamento giusto..
pensa che ti ripensa mi viene in mente il libro..
’smettere di fumare è facile, se sai come fare’.. mmm.. me l’ha consigliato una collega che da tre settimane (tre!) non tocca una sigaretta.. però.. il titolo.. mica mi convince..
certo poteva sforzarsi un po’ di più, pinco (chiamerò affettuosamente così l’autore, fino a che non ne saprò di più)..
dico.. qualsiasi cosa è facile, se sai come farla..
ma sorvolo..
le ben tre settimane d’astinenza e l’aria da Buddha della mia collega compensano quel che manca al titolo..
parto..
alla ricerca del nirvana..
anziché in India mi dirigo verso il più vicino centro commerciale..
l’inizio non è dei più promettenti.. perché non c’è un parcheggio all’ombra nemmeno a pregare in sanscrito.. e io che faccio?.. parcheggio al sole.. (se mi leggesse pinco, son sicura che mi recluterebbe per ideare il titolo del suo prossimo libro)..
non molti inizi sono promettenti e così non m’arrendo a un po’ di sole.. entro con passo deciso pensando solo fuggevolmente che sto passando da 35° a meno 3° e domandandomi (ma solo di striscio) con cosa pagherò quest’escursione termica.. per l’incauta esposizione delle sudate membra all’aria condizionata si possono usare solo torcicolli e mal di gola.. per tutto il resto c’è mastercard.. ma, in casi estremi, da noi, in provincia, accettano anche un più proletario bancomat..
entro, dunque, e la mia sorpresa è indicibile notando che manca tutto un intero negozio che, sono sicura, fino a ieri era lì!.. al posto dei libri ci sono bavaglini e mini-salopettes con su scritto da 3 a 8 mesi e via crescendo..
ma come?
come, come..
la libreria è sparita, ec-come..
resto un po’ a pensare, ché i cambiamenti mi spiazzano..
davanti a me vedo quattro rampe di scale e un immenso, assolato parcheggio..
di fianco, invece, c’è una vetrina piena di calzature estive..
ehm.. non ne avrei bisogno.. però.. sono una donna non sono una santa.. non portarmi in un negozio di scarpe di sera.. ma nemmeno di mattina o di pomeriggio, se è per questo..
mi dico ‘vado solo a vedere’.. ok.. ma poi.. le mie fosche pupille notano un paio di sandali che, beh.. cavoli.. se solo non fossero di quel colore lì.. però li provo.. e.. aribeh.. sono comodissimi.. dico va bene, è lo stesso.. il colore non mi piace.. saranno pure carini ma no, certi compromessi sono inaccettabili..
al terzo giro, quando ormai sono certa che uscirò senza nessun superfluo paio di sandali, li vedo.. loro.. quelli comodi.. ma stavolta del colore giusto..
e lì capisco d’essere fregata..
devono essere miei..
che poi con le scarpe, in generale, diventa una storia malata.. certe sembrano belle e comode fin da subito poi, quasi per paradosso, quando dovresti essertici abituata, iniziano a dolerti da tutte le parti..
per un sacco di altre cose è così..
è qui che mi torna in mente il libro col suo titolo ‘adattabile’..
e col ricordo del proposito che mi ha spinto all’avventura, mi viene la fantastica idea di andare fino in fondo alla galleria per vedere se, per caso, anziché esser stata soppressa, la libreria non possa aver subito solo un banale spostamento..
no..
lei non c’è..
ma un negozietto d’abbigliamento che si chiama ‘più o meno’.. ragazzi.. è o non è il mio?.. non posso davvero non entrare..
sorvolo sugli accadimenti che sono seguiti a tale ennesima incauta azione..
fatto sta che non ho fatto in tempo a cercare una libreria alternativa..
ma domani, cascasse il mondo..
no..
non mi faccio un po’ più in là..
domani accada quel che accada cerco IL libro..
già conto i minuti che mi separano dal vero nome di pinco..
..
(uno..)

10 commenti:

  1. ah, se ho riso (!)... ah, buddha... sorrido

    RispondiElimina
  2. grazie.. (duecentosedici).. pure io sorrido..

    RispondiElimina
  3. Aarghh,appena hai scritto "dieta",mi è venuta fame!
    Quel libro me lo nominava un amico,lui ha smesso.
    Sarà suggesione,boh...
    L'ho incrociato diverse volte nelle librerie che mi guardava supponente(il libro)...ma son riuscito a resistere e ho preso un horror ;) non vorrai mica
    che finisca che smetto anch'io???nooooo ipotesi troppo
    fantascientifica e destabilizzante,non sarei piu io ;)

    RispondiElimina
  4. no.. secondo me funziona.. di solito uno che ha appena smesso soffre.. si vede che sta resistendo ma in fondo fa fatica.. invece lei.. è pure più simpatica da quando ha gettato via le sigarette.. mah?.. eheh.. non saresti più tu? magari saresti solo un un nuovo tu, che ne sai?.. facciamo che vado avanti io, poi ti dico ;)

    RispondiElimina
  5. Per quel che riguarda le sigarette...beh...non posso essere d'aiuto...neanche mai iniziato...e non ho l'aria da buddha...per quanto riguarda gli acquisti di scarpe...vestiari vari e libri...si...ammetto...ho questo vizio brutto anch'io...una malattia inguaribile...dovrebbero scriverci un libro su questo anche...se inconri pinco...diglielo! s&a*****

    RispondiElimina
  6. per A-ragazzacreativa : non mancherò.. sarà una storia lunga.. tra pinco e me, dico.. oltre che creativa ti scopro saggia.. non aver mai iniziato ti eleva a una condizione che sa di mitico.. s&a a te *****

    RispondiElimina
  7. per A(nonimo/a) : altrove è tanto vasto quanto qualunque qui.. il punto topico sarebbe : a chi mancherei (se non a te che non so bene chi sei?).. anche se.. quel punto esclamativo mi ricorda vagamente qualcosa..

    RispondiElimina
  8. rido..altrove è dove ti ho "incontrata" e quindi torna di là! ;-) bacio.
    ps: nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai che la dritta via era smarrita..

    RispondiElimina
  9. eheh.. no.. dico, mi cadi sulla selva oscura??.. te non ci sei ancora arrivata nel mezzo del cammin di nostra vita, a occhio.. mmm.. poi.. non era più 'non ti curar di lor ma guarda e passa'??.. ps. il bello degli altrove è che ci si può incontrare una seconda prima volta.. bacio a te!.. ;)

    RispondiElimina