.

.

.

02.09.15

Ti voglio bene si dice al cane

D’altronde a quei tempi
A quei tempi bastava davvero poco a dirsi “addio”
A darsi un ciao d’addio eravam buoni tutti
Era l’ordinaria amministrazione
Erano tempi di cuori ghiacci
Eran tempi che si era imparato a ballare da soli
Eran tempi che un “è stato bello” non lo si negava a nessuno
Eran tempi che non pioveva più da sempre
Tempi di siccità feroce
Di occhi secchi
Neanche piangere qualche lacrima eravam più capaci

E le poesie d’amore costruite in serie come utilitarie
C’eran più poesie d’amore che innamorati
C’eran più poeti che soldati

E d’altronde la natura faceva il suo corso
Ragno mangia ragno
Labbro bacia labbro
Mano carezza viso
Pugno spezza naso
Nebbia in Val Padana
Occhio non vede cuore non duole
Cuore non batte ciao è stato bello
Ciao è stato bello salutami a casa

D’altronde avevamo perso il sonno
La rotta
La voglia
La fame
E “ti voglio bene”
- ho poi scoperto -
Ti voglio bene, si dice al cane.

(Catalano)

https://youtu.be/jsCCnpcGEWI

21 gennaio 2010

ventiezerouno..

..
e un motivo lo ritrovo, poi, per guardar su..
non particolarmente più su del dritto avanti a me.. e dunque non su in quanto 'su'.. ma su in quanto 'non giù'..
un motivo senza nome né indirizzo.. un motivo figlio di enneenne..
faccio i miei giri di routine e in certi momenti riesco quasi a sentirmi nuova..
qualche volta raggiungo l’incredibile traguardo di lasciarmi andare a fissare tutto l’oltre che non vedo e che pure si fa amare (ma come ci riuscirà, poi?)..
è che mi scatta l’ora x come una campanella d’intervallo che veda sciamar fuori dall’aule i miei pensieri, neanche fossero orde di bimbi infiocchettati e urlanti..
e allora esco anch'io.. così.. come sono..
scopro che non mi serve imbellettarmi troppo, né assumer l’aria più sofisticata che conservo nella gran bacheca delle espressioni ‘all’uopo’..
per una volta non per pigrizia né per voler autopunire un forse occasionale impeto di fintostentata maestosità da ‘inarrivabile’ o ‘losoioilfattomio’..
per una volta solo perché no.. e perché sì, anche..
perché il così è così e mi va bene..
perché non devo chiedere scusa a nessuno se non cambio mai..
per stasera nemmeno a me stessa.. (son vittorie)..



(ventiedieci)..

6 commenti:

  1. Già, lo sono. Son vittorie di quelle da assaporare con gusto e concedendosi tutto il tempo che si vuole, nonostante quel ticchettio che pare non aver mai nulla di meglio da fare che inseguirci ;)
    Baciotti pulcino!

    RispondiElimina
  2. ...ho ricommentato anche il post prima, ma nn me lo inserisce :(

    RispondiElimina
  3. c'è la moderazione, solo sul postato più 'vecchio d'un giorno' e solo per mia comodità.. l'ho pubblicato ora.. grazie delle parole e del sorriso che mi hai regalato.. un bacio a te :*.. m.

    RispondiElimina
  4. una volta me lo fai fare un giro nella gran bacheca delle espressioni ‘all’uopo’..? mi piacerebbe un casino
    (ti sorrido col cuore)

    RispondiElimina
  5. .. solo se poi me le disegni tutte.. (ricambio col cuore).. :)

    RispondiElimina
  6. lo dicevo proprio per quello, sì :)

    RispondiElimina