.

.

.

02.09.15

Ti voglio bene si dice al cane

D’altronde a quei tempi
A quei tempi bastava davvero poco a dirsi “addio”
A darsi un ciao d’addio eravam buoni tutti
Era l’ordinaria amministrazione
Erano tempi di cuori ghiacci
Eran tempi che si era imparato a ballare da soli
Eran tempi che un “è stato bello” non lo si negava a nessuno
Eran tempi che non pioveva più da sempre
Tempi di siccità feroce
Di occhi secchi
Neanche piangere qualche lacrima eravam più capaci

E le poesie d’amore costruite in serie come utilitarie
C’eran più poesie d’amore che innamorati
C’eran più poeti che soldati

E d’altronde la natura faceva il suo corso
Ragno mangia ragno
Labbro bacia labbro
Mano carezza viso
Pugno spezza naso
Nebbia in Val Padana
Occhio non vede cuore non duole
Cuore non batte ciao è stato bello
Ciao è stato bello salutami a casa

D’altronde avevamo perso il sonno
La rotta
La voglia
La fame
E “ti voglio bene”
- ho poi scoperto -
Ti voglio bene, si dice al cane.

(Catalano)

https://youtu.be/jsCCnpcGEWI

20 marzo 2010

oa..

..
inizio due o tre periodi scomposti.. cancello.. ricomincio.. penso alla canizie d’un uomo che ho visto passare poco fa, giù, nel campo sportivo.. mi piace la parola e ne vorrei far poesia.. ma poi credo sia meglio lasciarla isolata.. ci son cose che son poesie da sole, senza tanti ghirigori.. le voci che provengono da fuori non mi fanno compagnia.. somigliano al traffico del sabato pomeriggio che si dipana attraverso asfalto troppo vivido per me.. la giornata è coperta.. di nubi, ricordi, dimenticanze.. forse anche irreparabili metà.. piccole frange su un tessuto non tessuto.. e non è nemmeno voler esser cripto-misteriosa.. questo vedo non vedo di significati solo miei.. è che coglierli sarebbe perderli.. anche non farlo lo è.. ma lo è con poesia.. preferisco.. tutto qui..

2 commenti:

  1. fluido poetico, un poco vischioso, che rimane attaccato.
    a.

    RispondiElimina
  2. eheh.. mi fa venire in mente una canzoncina.. chihamangiatolamarmellata? chilosa? :)

    RispondiElimina