.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

30 maggio 2010


foto: Christmas card by alex-malex
..
fissofissitàinfissitàfissandomi e sento che davvero potrebbe non finire mai il deserto se sol’io mi ci sapessi avventurare anche giusto col pretesto di contarne di sabbia i granelli senza confondermi poi nel di lor mescolarsi al vento se vento è e vento prima o dopo è da che ricordo attorno al diecimilatrecentoventitrè m’avvedo poi che è nuova ininfinita frammentarietà nonché inattinenza e la mia e del pensiero così m’adagio carezze in attimi come guance(variegatemascarawaterproof)..

4 commenti:

  1. ... e che anche quelle possano davvero sembrare non finire mai, mescolandosi nel vento anche quando vento è... senza ravvedimenti anche quando vento non è...
    [f]

    RispondiElimina
  2. .. nulla non finisce mai :)..
    ciao, fabio.. sorrido sempre molto ai tuoi giorni, che mi piace pensare belli e vivi.. e poi a te (sorrido) :)..
    m.

    RispondiElimina
  3. il cammello è parcheggiato in seconda fila.

    RispondiElimina
  4. .. ihihih.. se rido di gusto.. taci va là.. m'hanno raccontato che i cammelli fanno sbadigli giganteschi.. non vedo l'ora di vederne uno.. (comunque, secondo me, se interrogato da un qualsivoglia vigile di passaggio mr. duegobbe concilierebbe assai).. :))

    RispondiElimina