.

.

.

02.09.15

"donde no puedas amar, no te demores"

(kahlo)

23 giugno 2010

mural(es)..

..
qualche click per vedere che faccia ho guadagnato stasera.. sembra uguale.. la faccia.. ma anche la sera.. è il paragone quello che solo può mutare di pelle, ma si vede che al momento non gli va.. veloce sterzo il pensiero.. cosa che mi viene alquanto facile, in realtà.. non che non sia solo un caso, se è per questo.. davanti un muro bianco.. lo riconosco.. lui.. esso.. insomma, il muro.. frastagliatura candida perfetta per un contorno.. gliela do io la perfezione.. omaggio inaspettato per lui (esso)(il muro) che se ne frega e guarda.. no.. non guarda.. ha gli occhi socchiusi di sottinteso quasi sbadiglio.. provo a recitargli una poesia.. si riprende.. respira.. porta dentro smog di fuori.. lascia uscire fumo.. il tutto nella più completa discrezione sua (di muro).. in questo braille che forse è solo di circostanza mi racconta dei troppi contorni per i quali il mio continuo stornar di riflessioni l’ha considerato perfetto.. dice preferivo un polpastrello, massimo due.. se proprio vogliamo esagerare un palmo.. ma non tanto complementare da risultarmi addosso solo in quanto trasparenza.. cerco di calarmi nei suoi panni.. in effetti è tappezzato da una catasta scatastata di rettangolarissimi rettangoli che di sparpagliatezza non riescono a far morfologìa.. qualche click per ricordarmi di lui (esso)(il muro).. e confrontarmi con un domani in cui c’avrò sbattuto contro il naso..
(non è che se ti chiede un dito voleva proprio quello)(forse è femmina)(il muro)..

16 commenti:

  1. è decisamente femmina.
    (soprattutto nella tipologia di risposta "azione-reazione")

    RispondiElimina
  2. .. sorrido.. mai affidarsi alle vocali fine-nome per decidere gli articoli, già..
    mi fa venire in mente il mio vecchio prof di diritto ma è una lunga storia :)

    RispondiElimina
  3. stà bon che non hai scritto: mi fai ..
    (avrei sorriso meno .. decisamente meno)

    (ma le lunghe storie hanno ..finali brevi?)

    RispondiElimina
  4. .. eheheh.. stàbon mi fa troppo ridere.. intercalare tipico di qui.. potrei sempre aver dimenticato la i ma mi hai parlato troppo poco in latino per ricordarmelo :).. i finali sono sempre brevi, sia per le lunghe storie che per le corte storie che per le mancate storie che per gli'ohmaquantestorie!.. a volte c'è chi li strascica, tutto lì.. magari è difficile pure stabilirli.. tipo: bon da qui in là siamo sul terreno del dopo 'e' di fine.. ma la fine è fine anche quando non ce ne accorgiamo, o quando ce ne accorgiamo in anticipo o quando la tiriamo per la effe neanche fosse un bavero coi nostri 'ehi, fine.. lei non sa chi sono io!'..
    molto semplice.. il nostro uomo amante di diritto ed economia aveva il vezzo di dare ai nomi gli articoli sbagliati (o forse giusti, chi lo sa?.. univa un sacco di 'il.. legge' 'la.. stato' come nessuno sarebbe riuscito a fare.. in definitiva era un mago degli opposti poli.. a modo suo direi che metteva d'accordo l'inconciliabile, ecco).. :)

    RispondiElimina
  5. sarebbe stato di gran moda, ora.
    (forse lo è :-) )

    RispondiElimina
  6. .. quella, la moda, è solita tornare.. e credo che lo spazio sia giusto quello (una ventina d'anni).. io che son rimasta indietro amo le zampe d'elefante (considerarmi in anticipo o in ritardo dipende dall'uovo, dalla gallina, nonché dai mezzi pieni-vuoti d'ogni bicchiere)..
    lui me lo ricordo già sulla sessantina.. con un riporto a coprire la pelata (cosa sarebbe stata la sua vita avesse conosciuto i vantaggi della completa rasatura) e un certo qual amore per l'insegnamento che in pochi altri dei miei prof m'era capitato di riscontrare, e che me lo faceva piacere, strafalcioni inclusi..
    (sono sicura che lo sia :)

    RispondiElimina
  7. quella dei pantaloni a zampa d'elefante è una necessità (da polpaccio di ciclista).
    ogni riferimento ..

    adoravo la mia prof d'italiano, moglie di un pittore scappato oltre cortina, che ci parlava di società e ci faceva studiare teatro .. in teatro. fuori moda allora, ancora attuale oggi.

    RispondiElimina
  8. .. ohmama.. ma te l'avevo detta io la cosa dei polpacci?.. che pur non andando in bici da mò effettivamente è cosa che m'affligge, senza scordare la (ahimé) mancata sottigliezza della caviglia.. comunque sia sei un ottimo conoscitore del binomio abbigliamento/difettodacoprire (dimmi come ti vesti e ti dirò se hai le ossa grandi)..

    me ne parlasti, mi sa, di quella prof.. mi domando perché scappò, il marito.. forse non riusciva a reggere il confronto..

    RispondiElimina
  9. nooooooooooooooooooooooooooooo, non sarai mai la donna della mia vita se non hai il retrocaviglia a filo!

    RispondiElimina
  10. .. ihih.. dice il saggio (che per via della sua religione è impedito a spezzar lance in favore di chicchessia [anche perché essendo saggio poi sa che le schegge son solite rivoltarsi contro le dita]): chi parte da inappellabili parametri è già un bel po' in vantaggio ;)
    pensa al lato positivo: se le avessi avute sottili non avresti potuto rendere tutte quelle belle o a miss enne (si vede dalla stanghetta a filo che è una che le merita!) :)

    RispondiElimina
  11. mi hai fatto sentire in colpa..
    :-(

    (mi sarò rincitrullito, mi perdo le miss enne da un po' in qua o comincio a soffermarmi anche su altri ..particolari)

    RispondiElimina
  12. .. lungi da me l'intenzione di :)..
    insomma ci sono certi particolari da cui magari si può trascendere ma non prescindere.. ad esempio io escludo totalmente dal campo delle probabilità chiunque non raggiunga una misura di circonferenza del bicipite a riposo di almeno pollici 8.. non è nemmeno una questione estetica, si tratta proprio di statistica d'incompatibilità verificata sul campo..
    ci sono particolari e particolari..
    ideali e pratici..
    e poi momenti e momenti, ci sono..
    e ancora caviglie e dopo bicipiti..
    ma soprattutto ci sono trasformazioni (quel bel filo sottile che a poco a poco diventa fastidiosa lama.. quel forte braccio che a lungo andare diventa morsa.. tutto quel 'oh, ma che particolarparticolare' che giorno dopo giorno diventa 'madonna, ma che assurda stranezza')..
    la mente è strana.. :)

    RispondiElimina
  13. passo il test pelo pelo.

    RispondiElimina
  14. .. seeeseee dicono tutti così.. fanno la cresta ai decimali..
    (questa è stata l'unica cosa che di fronte al caos del giorno m'ha fatto pensare 'basta.. m'arrendo.. rido'.. [grazie :)])

    RispondiElimina
  15. trova sempre la forza di .. arrenderti.

    (le piccole rese possono essere fattore casuale incidente nella teoria del caos per alcuni, un regalo per altri)

    RispondiElimina
  16. ostregheta.. saaaaggiooooo :)..
    oggi per esempio mi vien già diverso.. non isterìa, ma una specie di freddezza.. vedo che il caos è sensibile agli sbalzi di temperatura (non posso nemmeno dirgli 'non mi freghi più' dato che io e lui ci evolviamo a vicenda)..

    RispondiElimina