.

.

.

02.09.15

https://www.youtube.com/watch?v=kQha5einETw

Avrei bisogno di un po’ di riposo, dice il dottore.
Ne avrei bisogno in effetti, hai ragione doc
e anche tu
anche tu ne avresti.
E avremmo bisogno
di un po’ di gatti
qualche pillola colorata
un po’ di pace
una bici nuova
probabilmente baci
un bunker antiatomico
avremmo bisogno di qualcuno
di qualcuna
che domani pensi a noi nella battaglia
e avremmo bisogno di un po’ di aria pulita
di penombra
un po’ di vino bianco fresco
avremmo bisogno di un po’ di carezze
magari di fare un po’ all’amore
avremmo bisogno
che qualcuno abbassi l’aria condizionata
e avremmo senz’altro bisogno di un po’ di silenzio
un po’ di buona poesia
e un po’ di buona musica
di lenzuola pulite
e un nuovo cuscino
e avremmo bisogno
che lei la smettesse di guardare
di nascosto in continuazione
quel cazzo di telefono
mentre siamo a pranzo assieme.
Di cos’altro, doc?
Un po’ di gentilezza, certo
un paio di pantaloni nuovi
– non trovi che in giro
ci sia un’incredibile mancanza di eleganza? –
e che venga presto settembre

(Guido Catalano)

5 ottobre 2010

blind..

..
già.. mi è balenata in mente questa cosa, poco fa.. flash.. mica una cosa intera.. macché.. una cosa a pezzi e bocconi.. una cosa che non aveva nulla a che fare con tutto il resto di ciò che al momento colpiva la mia coscienza o su di essa rimbalzava o in mezzo ad essa, arsenio che non era altro, s’infilava.. quando capita così facile che si tratti di cosa sognata.. tipo che la sveglia si è insinuata troppo poco dolcemente tra il mio re e il suo em.. e allora patatrac.. ma senza splash.. con flash, invece.. ecco.. quello sì.. comunque mi è venuta in mente e dato che era lì, non sapendo bene che farmene, ho iniziato un girotondo.. senza filastrocca, però.. gira che ti riprilla ho finito col dirmi ‘sarebbe stato un errore’.. bene.. è che d’errori ce n’è poi vari.. ci sono quelli che ‘meglio così’ e poi gli altri.. sì, insomma, i ‘meglio così ma’.. ecco quelli lì sono tremendi.. perché ti fanno sentire come se fossero sezioni d’insiemi inintersecabili.. una specie di i senza puntino.. e scema tu oppure soltanto inadeguata al punto di non averli saputi commettere per regalare loro le giuste lettere, anche in ordine sparso, chissenefrega, cioè dico, quello è un errore mica importa che si rispetti la fila.. allora te ne vai in giro con ‘sta rughetta in mezzo agli occhi.. che poi magari ti chiedono pure ‘con chi ce l’hai (sipuòsapere)?’.. e con chi ce l’ho?.. con nessuno.. e lì capisci che magari gli ulissi non sono solo una leggenda.. e la rughetta non era mica una rughetta ma una pupilla..
(cieca)..

2 commenti:

  1. e quelli col senno di poi?
    (possibile variante: il nonno con le rotelle)

    RispondiElimina
  2. .. aaaah.. belli quelli lì.. haribaharibaeldiablo della perseveranza.. il nonno me lo posso immaginar sulle rotelle a patto che si tratti di pattini-a.. e che mentre passa dica 'io alla tua età saltavo i fossi per la lunga' (ho sempre creduto ciecamente agl'anziani.. in questo caso per non pormi domande chiamavo in aiuto quella relatività che sa trasformar pozzanghere in torrenti [per lo più impetuosi] ;)

    RispondiElimina