.

.

.

02.09.15

"donde no puedas amar, no te demores"

(kahlo)

9 dicembre 2011

anvedicomeballanando..

sottotitolo:
di vene(varicose)stupidotte e d’altre sciocchezze..

mi stupisco sempre delle cose delle quali l’esperienza mi ha insegnato l’esistenza.. le so in anticipo.. ma quando arrivano mi sembrano un affronto personale.. così credo sarà il morire.. così sarà non tanto per questa mia attitudine sciocchina e vanitosa al credermi tanto diversa dal meritarmi il ‘permesaràdiverso’ proprio della prima adolescenza, ma per via dell’uso smodato e spesso improprio che sono solita fare del verbo rimandare..

(la maravija la s’ataca)
(propria adesa ch’e s’era apena avia a lavurar senza mandghiar,
varda ti.. l'am me anda a murir? [come disse il contadino
riferendosi al suo fedele ciuco])

tra parentesi: antichi proverbi montanari
dell’appennino tosco-emiliano

2 commenti:

  1. per te, è stato già diverso.
    ed ancora lo sarà.
    non è un modo per rimandare tatticamente
    ma per farlo .. diversamente.
    non dolertene.

    RispondiElimina