.

.

.

02.09.15

Tra il piacere e quel che resta del piacere
il mio corpo sta come un posto dove si piange
perché non c’è nessuno.

(Pierluigi Cappello)

9 giugno 2012

1015

.. recidere è come un coraggio.. e sarà forse nel minuto che precede la vile incoscienza insita in ogni consolatoria reiterata attesa.. in quello che segue solo contorni.. e consapevolezza.. che il coraggio secondo il mondo non può essere uguale al proprio.. e forse nemmeno dovrebbe mai (essere scambiato per addotta scusa d’impossibili equivalenze)..

2 commenti:

  1. amputare lo è di più?

    RispondiElimina
  2. .. non necessariamente.. accettare invece credo lo sia..

    RispondiElimina